cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

La giustizia italiana va in pezzi

Autore: . Data: venerdì, 11 settembre 2009Commenti (0)

Guasto dei computer a Roma: si ferma tutto.

magistratiBlack out informatico al Tribunale di Roma. Il sindacato Ugl Ministeri ha reso noto che tutti i procedimenti delle 10 sezioni e dei 40 Gip sono inesorabilmente bloccati per un guasto tecnico.

Ugl Ministeri in una nota ha sostento che “la giustizia va di male in peggio”. “Allo stato attuale – hanno spiegato – sono bloccati i servizi anagrafici, i casellari, le informazioni, il registro informatico, i collegamenti con le carceri e, dal 15 settembre, dovrebbero riprendere anche le udienze dopo la pausa estiva”.

I disagi, oltre a colpire l’utenza e gli avvocati, di sicuro avranno – è detto ancora nel comunicato – una “forte ripercussione anche sul personale che al Tribunale di Roma già è in forte sottorganico e con carichi di lavoro moltiplicati per tre (55mila procedimenti penali solo nel 2008) e quando il guasto sarà riparato dovrà fare i salti mortali per recuperare il tempo perso”.

Paola Saraceni, Segretario Nazionale Ugl Ministeri, ha detto: ” Non meravigliamoci quando poi si verificano casi gravissimi come quello della Procura di Trieste, dove pericolosi delinquenti si ritrovano liberi per decorrenza dei termini di custodia cautelari. I nostri Tribunali e Procure sono strutture fragili dove le carenze di personale e la cronica disorganizzazione già causano disagi enormi alla macchina della Giustizia, figuriamoci cosa può succedere con un black out informatico”.

Com’è noto il ministero è fortemente impegnato su altri fronti e forse il diritto all’efficienza della giustizia per i cittadini non è nelle priorità del centro destra.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008