cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

In Afghanistan continue violazioni dei diritti umani

Autore: . Data: lunedì, 7 settembre 2009Commenti (0)

Dopo la strage delle autobotti raid in un ospedale.

afghanistanLe truppe Usa hanno condotto ieri un blitz in un ospedale del Comitato svedese per l’Afghanistan (Sca), nella provincia di Maidan Wardak, perquisendo le stanze dopo aver costretto i pazienti a lasciarle.

Lo ha riferito la stessa ong in un comunicato citato dall’agenzia afghana Pajhwok e dalla Reuters, precisando che nel corso del blitz i militari hanno fermato sei persone, quattro impiegati e due familiari dei pazienti.

I militari, hanno aggiunto gli svedesi, hanno ordinato allo staff medico di segnalare al comando militare se un paziente che deve essere ricoverato è un sospetto combattente, ed attendere le decisioni dell’esercito prima di accogliere il ferito.

Anders Fange, responsabile della ong in Aghanistan ha detto: “È semplicemente inaccettabile. Si tratta di una violazione dei principi umanitari riconosciuti in tutti il mondo sulla inviolabilità dei luoghi di cura, e di chi ci lavora, nelle aree teatro di conflitto”.

Per il rappresentante dello Sca il raid è stato “la rottura dell’accordo tra l’Isaf e i gruppi umanitari”. Un portavoce dell’Onu interpellato dalla Reuters, Aleem Siddique, ha detto che le leggi internazionali impongono ai militari di evitare operazioni nelle strutture sanitarie. “L’unica eccezione, secondo le Convenzioni di Ginevra, è se c’è un rischio per le persone”, ha precisato.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008