cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Cento poveri in più al minuto

Autore: . Data: venerdì, 25 settembre 2009Commenti (1)

Gli effetti devastanti della crisi finanziaria.

povertaafricaLa crisi trascina nella povertà ogni minuto 100 persone in più, costrette a vivere con meno di 1,25 dollari al giorno. È la denuncia che le associazioni Oxfam international e Ucodep hanno lanciato ieri ai Paesi del G20 nel giorno di apertura del vertice: la recessione globale, avvertono le due ong, “sta colpendo con spietata precisione i Paesi più poveri, mentre il numero delle persone affamate ha già superato il miliardo”.

Solo le nazioni più potenti, hanno spiegato le associazioni riunite ieri a Pittsburgh, sono in grado di fermare questa tendenza: fino ad oggi i Paesi del G20 hanno stanziato meno della metà dei 50 miliardi di dollari promessi al vertice di Londra dello scorso aprile.

La ricetta proposta dalle ong comprende un pacchetto di misure da 290 miliardi di dollari, comprendenti la moratoria del debito, una stretta sui paradisi fiscali e una Tobin tax sulle transazioni valutarie delle banche, misura che da sola potrebbe fruttare 50 miliardi di dollari.

Oxfam e Ucodep chiedono inoltre di stanziare nuovi fondi per aiutare i Paesi poveri ad affrontare i cambiamenti climatici: “Sono necessari – hanno sottolineato le due ong – 150 miliardi di dollari l’anno”.

E anche l’Italia può fare la sua parte: “Chiediamo al nostro governo di passare dalle parole ai fatti, mantenendo in finanziaria gli impegni sull’aiuto pubblico allo sviluppo e sulla lotta ai cambiamenti climatici”, ha concluso la portavoce delle due associazioni, Elisa Bacciotti.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (1) »

  • Antocalu ha detto:

    se si spendessero meno soldi per tutte queste inutili guerre..potremo vedere un netto miglioramento nelle condizioni di vita delle popolazioni più povere..

    ho letto sul mio vecchio libro di Geografia che con tutti i soldi che vengono spesi dagli Stati Untiti ( cioè coloro che spendono di più nelle guerre) si potrebbe fare un muro altro 7 metri di mazzetti di banconote da 500 $ intorno alla terra.

    Tutti fanno vedere che voglilono aiutare ” quelli più bisognosi” ma chi è che lo fa veramente? tutti questi vip che “regalano” milioni per le popolazioni “meno fortunate” di noi.. per avere un pò più di fama e per essere considerati <> pagliacci!

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008