cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Arrestato l’aggressore del ragazzo gay a Firenze

Autore: . Data: lunedì, 14 settembre 2009Commenti (0)

Rapidamente individuato il picchiatore omofobo.

gayLa squadra mobile di Firenze ha arrestato l’aggressore del ragazzo gay di 26 anni, picchiato selvaggiamente nella notte tra il 9 e il 10 settembre scorsi in una piazza del centro dopo che nella stessa giornata si era svolto nel capoluogo toscano una manifestazione contro l’omofobia.

L’arrestato ha 32 anni, è originario di Legnano e da circa due mesi alloggia a Villamagna per motivi di lavoro. È stato identificato anche l’amico che, la notte dell’aggressione, era in compagnia dell’arrestato. Si tratta di un trentatreenne originario, anche lui lombardo, di Busto Arsizio

Il trentaduenne è stato rintracciato in un alloggio condiviso con altre quattro persone. All’interno dell’abitazione è stata trovata la felpa ed un paio di jeans, intrisi di sangue, indossati dall’aggressore la notte dell’aggressione.

A mettere gli investigatori sulle tracce dell’aggressore sono state le prime testimonianze di chi era nel bar fiornent nel quale hanno avuto origine gli avvenimenti che hanno pio portato al pestaggio.

I frequentatore del locale avevano parlato di un uomo di nome Luca, titolare di una ditta artigiana, con accento del Nord e temporaneamente a Firenze per lavoro. Da questi elementi ha preso il via l’attività di indagine, particolarmente complessa e condotta con metodi tradizionali. Controllate moltissime strutture ricettive in cui alloggiano manovalanze non fiorentine e visionati filmati di telecamere comunali e di esercizi commerciali. Inoltre sono stati incrociati dati anagrafici e sono state contattate imprese impegnate nel Fiorentino in lavori di manutenzione e ristrutturazione. Ottenuti i riscontri necessari è arrivato anche l’arresto.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008