cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Altre news da Berluscolandia

Autore: . Data: lunedì, 28 settembre 2009Commenti (0)

Il premier crede di essere ‘spiritoso’ ed insiste sugli ‘abbronzati’.

berlusconi2Il presidente del Consiglio, aprendo ieri la Festa del Pdl a Milano ha detto: “Vi devo portare tanti tanti saluti da un signore che è abbronzato e si chiama, si chiama… Barack Obama. In spiaggia vanno in due perchè è abbronzata anche la moglie Michelle”.

Le esternazioni di ‘Papi Silvio’ sono ormai fuori controllo. Si immagini il presidente francese Sarkozy che durante un summit internazionale, riferendosi al Cavaliere, dice: “Adesso la parola al nanetto italiano” o il cancelliere tedesco Angela Merkel affermare: “Abbiamo il piacere di presentarvi il tipetto delle escort”.

In una nota dell’agenza Apcom del 25 settembe scorso si leggeva: “La First Lady Michelle Obama ieri sera in forma smagliante alla cena di Gala a Pittsburgh, dove sono riuniti i big del G20, ha dato la mano al primo ministro Silvio Berlusconi, ma niente bacio di cortesia. “Ciao Bellissima!” titola irriverente lo Spiegel-online, che riporta la notizia, già rimbalzata su vari siti, tra cui il tabloid Bild, che non è mai tenero con il Cavaliere. Michelle in uno sciccoso abito da cocktail firmato dalla stilista americana Thakoon Panichgul, si è avvicinata al leader italiano con il braccio teso, come se volesse “tenerlo a distanza”, scrive il sito del settimanale tedesco. Da parte sua Berlusconi è rimasto affascinato dall’eleganza della moglie del presidente americano, che ha assistito alla scena con sguardo imbarazzato, mostrando un’espressione ammirata e aprendo le braccia come per dire “vieni vicino”. Alla fine c’è stata una stretta di mano tra il Cavaliere e la First Lady, ma niente baci o abbracci. Michelle ha salutato invece molto affettuosamente la sua omologa francese Carla Bruni, con un intimo tete-a-tete. Mrs Obama si è piegata per baciare sulle guance la “cancelliera” tedesca, più bassa della “padrona di casa” di almeno 20 centimetri, e ha abbracciato con forza anche la First Lady del Sudafrica Nompumelelo Ntuli. Perfino il premier britannico Gordon Brown, che non è solitamente caloroso, si è meritato un abbraccio e due baci sulle guance. “Che a Michelle non siano piaciute le voci sui comportamenti da playboy del nostro premier?” Si chiede con un pizzico di malizia il tabloid di Springer”.

Oltre la diffidenza che in modo palese l’amministrazione Obama mostra verso il governo italiano appaiono gravi le ricadute ‘culturali’ prodotte dalle parole di Berlsuconi, che considera i popoli di origine africana ‘simpaticamente’ come “abbronzati”. E perchè no ‘negretti’?.

Berlusconi, nascondendo le difficoltà con gli Usa, ha detto ancora ai suoi fedeli: “Con Obama i rapporti sono facili, è una persona ironica ed autoironica e devo darvi una buona notizia: è uno molto bravo”. ‘Papi Silvio’ non possiede il minimo senso della misura, perchè è evidentemente inopportuno giudicare un capo di stato straniero, a prescindere dal tipo di valutazione e dopo aver fatto eguali ‘complimenti’ al predecessore Bush, da molti ritenuto uno dei peggiori presidenti nell’intera storia americana”

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008