cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

La distruzione dell’ambiente

Autore: . Data: lunedì, 20 luglio 2009Commenti (0)

Legambiente facendo riferimento al dossier ‘Mare Monstrum 2009′ ha dichiarato: “La Calabria è una regione di ecomostri”.

albergo-fuenti-tuttora-demolitoSecondo i dati della ricerca riguardanti la Calabria “il cemento continua a fare scempio delle coste calabresi. Con 461 infrazioni accertate, 517 persone denunciate e 169 sequestri effettuati, la Calabria conquista il terzo gradino del podio, confermandosi nel terzetto di punta della classifica delle regioni per abusivismo sul demanio marittimo. Una piaga che non risparmia nessuna delle province calabresi”.

Secondo Legambiente, “il primo passo annunciato dalla Regione Calabria per il ripristino della legalità è la demolizione ‘immediata’ di nove ecomostri nei comuni di Pizzo, Tropea, Scilla, Cessaniti, Rossano, Stalettì, Stignano Mare, Stilo e Bova Marina. Solo in due casi, però, sono effettivamente iniziate le demolizioni: il primo riguarda il cosiddetto ecomostro di Copanello di Stalettì, abbattuto per circa due terzi ed il secondo sono le villette di Rossano, demolite al 50 per cento. Seppur ai suoi esordi, il programma di demolizioni messo in cantiere dalla Regione Calabria rappresenta un’importante presa di posizione a favore della legalità, in una regione dove nella gestione illegale del cemento spopolano le famiglie mafiose”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008