cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » video
Regola la dimensione del carattere: A A

Today we are all Iranians

Autore: . Data: domenica, 21 giugno 2009Commenti (0)

“Oggi siamo tutti iraniani” è uno slogan che sta riempiendo i blog di tutto il mondo. La violenza del regime ha colpito a Teheran decine di pacifici oppositori alla corruzione ed al governo criminale di Ahmadinejad. Le milizie Basaji hanno sparato nel mucchio, insieme a polizia ed agenti infiltati e i paramilitari vicini ai Guardiani della Rivoluzione hanno ucciso una ragazza, Neda, poco più che ventenne ed almeno altri nove cittadini inermi.

La tragica morte della giovane manifestante è stata ripresa con un telefonino e messa in rete.

InviatoSpeciale ha deciso di non rilanciare il video, perchè l’atrocità delle immagini non restituirà la vita a quella donna straordinaria e coraggiosa e neppure alle altre vittime della repressione. Abbiamo invece trovato un documento che racconta la battaglia per l’eguaglianza e la libertà del popolo iraniano e lo pubblichiamo, perchè è vero: “Today we are all Iranians”.

gente d’Iran
by inviatospeciale

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008