cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Segnali a go go

Autore: . Data: venerdì, 26 giugno 2009Commenti (0)

Due terzi dei segnali permanenti presenti sulle strade italiane non sono conformi al codice della strada.

segnaleAssosegnaletica (Associazione italiana segnaletica stradale aderente a Confindustria) e Federmobilità (Associazione nazionale che riunisce i responsabili della mobilità degli enti locali) hanno studiato la collocazione dei cartelli e della segnaletica temporanea.

Dopo un un ‘Giro d’Italia tra i segnalì iniziato lo scorso novembre ieri si è tenuto a Roma un convegno coclusivo dal titolo ‘Dalla malasegnalitica alle buone pratichè, per migliorare la viabilità nazionale”.

Paolo Cattorini, presidente di Assosegnaletica, ha detto: “L’importanza della segnaletica stradale è molto sottovalutata. Oltre il 50 per cento degli infortuni o decessi sul lavoro è causato nel nostro Paese da incidenti stradali (sia in itinere, sia durante il lavoro in strada) ed è dunque imperativo agire in primo luogo su questo fronte”.

Il direttore di Federmobilità, Annita Serio, ha puntato l’indice sul fattore consapevolezza, evidenziando l’importanza del monitoraggio e della manutenzione continua, affinchè “si adeguino i cartelli stradali alle evoluzioni quotidiane dei flussi di traffico”. Il convegno è stato anche occasione per presentare esempi di buone pratiche provenienti dall’Emilia Romagna e per segnalare nuove modalità di intervento. Ed anche per scoprire che in Italia neppure i cartelli sono messi al posto giusto.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008