cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Vivere in macchina con una figlia malata

Autore: . Data: martedì, 19 maggio 2009Commenti (1)

Un’altra testimonianza della crisi. Una donna con una bimba malata di cancro costretta ad abitare nella sua auto. Ha avuto fortuna, torvando chi l’ha aiutata. Ma quanti sono i senza casa.

senza-casaIeri è stata l’ultima notte passata in auto. Stamattina Sonia, di soli 32 anni, e la sua bambina di sei anni e mezzo, da tempo malata di un cancro raro, il nefroblastoma o tumore di Wilms, avranno una casa a Milano.

Mamma e figlia finora hanno vissuto in auto ma adesso, grazie all’intervento dell’ Aler, Azienda lombarda edilizia residenziale, potranno stare in un bilocale arredato in locazione temporanea destinato all’ assistenza di malati gravi.

Alle 12, in via Pietro da Cortona, la donna riceverà le chiavi dell’appartamento, che si trova poco distante dall’ Istituto dei tumori. Gli oggetti di immediato bisogno e la spesa di generi di prima necessità sono stati forniti dall’Aler.

Sonia si era ritrovata senza casa dopo la fine della relazione con il suo compagno. Da allora era stata ospite, insieme alla bambina, di amici e conoscenti fin quando aveva deciso di dormire con la bambina in una Fiat Punto parcheggiata a Quarto Oggiaro, nella periferia nord di Milano.

La mattina la donna, che non lavora, accompagnava la figlia a scuola e, ogni tre settimane, a fare la chemioterapia all’Istituto dei tumori.

Secondo le stime delle organizzazioni di volontariato in Italia sarebbero dalle 70mila alle centomila le persone senza casa, quasi lo 0,2 per cento della popolazione. Con la nuova legge ‘sulla sicurezza’ saranno schedati e con loro avrebbero potuto esserci anche Sonia e la sua bambina.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (1) »

  • domenico ha detto:

    ciao .anche io o lo stesso problema..cioe praticamente e da un anno che mia figlia a avuto un tumore al cerveletto di livelo 5 malignita..e anche io mi ritrovo senza lavoro co altre due bambine piccolissime di qui una ha.. 1 anno e 4 mesi,4 anni,e la picolina malata a 2 anni e mezzo,e sono senza una casa senza niente sono stato ospite da mia suocera ma le case popolare non ci vuole RINNOVARE L ospitALITA …mi avevavo promesso una casa di emergenza e invece dopo un anno ancora niente..mi anno detto che ci vuole tempo ma IO NON SO PIU DOVE STARE CON LE PICCOLE..MI ARRANGIO CON I LAVORETTI IN NERO MA NON MI POSSO PERMETTERE UNA CASA IN AFFITTO..IL LAVORO PER ME E UN PO DIFFICILE TROVARE PERCHE SONO DI ETNIA ROM…VI PREGO NON CHIEDO TANTO MA SOLO UN TETTO …DATEMI UNA MANO A FAR STAR BENE I MIEI CUCCIOLI..SE DOVREBBE SERVIRE O TUTTA LA DOCUMENTAZIONE DELLA PICCOLA OPERATA AL CERVELLETTO…

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008