cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Alitalia: la deroga antitrust alla Corte costituzionale

Autore: . Data: giovedì, 28 maggio 2009Commenti (0)

Meridiana, Eurofly e Federconsumatori avevano denunciato al Tar del Lazio la norma che permetteva ad Alitalia-Cai di possedere il monopolio su alcune rotte.

alitalia2Dovrà essere la Corte Costituzionale a valutare la legittimità del decreto con il quale l’estate scorsa, modificando le norme sull’amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi, fu consentito che le operazione di concentrazione tra imprese operanti nei servizi pubblici essenziali (Alitalia-AirOne) fossero escluse dalla necessità dell’autorizzazione dell’Antitrust.

Per questo il Tar del Lazio ha sospeso il giudizio sui ricorsi proposti da Meridiana, Eurofly e Federconsumatori, rimettendo gli atti alla Consulta. Per il Tar “è verosimile ritenere – si legge nell’ordinanza – che la norma di legge abbia discriminato i vettori aerei prevedendo un trattamento più favorevole per le compagnie aeree che, realizzando l’operazione di concentrazione senza il preventivo esame dell’Antitrust sull’eventuale costituzione o rafforzamento di una posizione dominante, hanno incrementato la propria posizione in termini concorrenziali, con contestuale discriminazione per le altre compagnie aeree”.

Il collegio ha ritenuto che “tale discriminazione non sia ragionevole e, pertanto, risolvendosi in una disparità di trattamento, possa violare l’art. 3 della Costituzione perchè, mentre si rivela lesiva del principio della libertà di concorrenza, la norma di legge non dà conto di quali siano i valori costituzionali perseguiti e quindi le ragioni che possano giustificare la deroga operata al principio della par condicio e alla libertà di concorrenza”.

Un nuovo macigno sulla già discussa cessione agli “eroi” di Berlusconi della ex Compagnia di bandiera ed una ulteriore testimonianza sulla scarsa trasparenza d tutta l’operazione.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008