cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Roma, la violenza ed Alemanno

Autore: . Data: mercoledì, 29 aprile 2009Commenti (0)

Il sindaco della Capitale ha scoperto con un anno di ritardo che “i reati sono diminuiti” e poi ha aggiunto: “Ma emerge un dato di violenza spicciola e però molto pericolosa. Un bullismo che cresce. Mercoledì siamo a Tor Bella Monaca. Devo capire se è un problema specifico romano”.

elezione-alemannoIl sindaco non tiene conto che la sua campagna contro gli stranieri, una serie di misure demagogiche ed inutili, la mancanza di una strategia chiara per il futuro della città hanno rafforzato un modello aggressivo e razzista tra i giovani. Sono queste alcune delle cause della crescita della violenza dei ragazzi delle bande locali contro i migranti.

Alemanno è preoccupato per l’incremento delle risse tra giovanotti armati di coltelli, ma il Campidoglio non ha fatto nulla per mesi, mentre squadracce di adolescenti si divertivano a picchiare non solo in periferia, ma anche in centro, migranti o homeless.

Alemanno ha detto di voler proporre in periferie come quella di Tor Bella Monaca “sport e solidarietà, oltre che controllo sul territorio. Penso anche a palestre di boxe. Se avete energie da scaricare, penso, scaricatele in uno sport duro, maschio. Lo sport può aiutare molto”. Il sindaco non riusce neppure a percepire che la genesi del fenomeno non ha radici ‘ormonali’, ma un ben più profondo stato di disagio. Le pusioni ‘maschie’ ricordano discorsi da bar dello sport.

La caccia all’immigrato aperta nei sobborghi della capitale, secondo il sindaco “in realtà è la caccia al diverso, sia nomade, immigrato, disabile, debole. Occorre un contrasto efficace. C’è perdita di identità. Un tempo i partiti provvedevano a darla. Ora cosa offriamo ai giovani?”.

Si potrebbe rispondere: la magnificazione dell’immagine imperiale della Capitale, i proclami contro ‘gli zingari’, lo mantellamento delle baracche nelle quali sono costretti a vivere i migranti senza offrire alternative , la campagna contro la prstituzione di strada che ha rafforzato paradossalmente il problema, facendo finire nel nulla centinaia di ragazze adesso al lavoro lo stesso, ma in luoghi nei quali è impossible controllarle. E infine la cultura delle ronde, i giustizieri bianchi contro il pericolo dello straniero ‘cattivo’.

Alemanno doveva essere il sondaco dell’ordine, è diventato quello dell’era delle coltellate.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008