cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » politica
Regola la dimensione del carattere: A A

Il terremoto e la Tv vorace

Autore: . Data: martedì, 7 aprile 2009Commenti (0)

Ieri per tutta la giornata c’è stata una inondazione di notizie. Servizi replicati all’infinito, il dolore diffuso un tanto all’ora, fino all’exploit serale: Porta Porta e Matrix in competizione tra loro

cameramanLa televisione nazionale, il suo afferrare qualunque cosa pur di nutrire se stessa, il non sapersi dar limiti è davvero uno degli aspetti più preoccupanti in quest’Italia confusa e pasticciona. Mirabile è stato il lavoro di Blob ieri sera, la descrizione di una farsa senza limiti.

Ore di trasmissioni, inviati, collegamenti, edizioni speciali: il Barnum catodico ha immediatamente pensato che l’occasione fosse buona per ‘avvertire’ l’opinione pubblica e lanciarsi sulla tragedia abruzzese.

Le responsabilità per i morti, le distruzioni, la devastazione sono chiare ed inequivocabili: si sapeva benissimo che la zona colpita era ad alto rischio sismico e nulla si è fatto, come sempre, per rendere le costruzioni capaci di reggere l’impatto delle scosse.

Il capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, è arrivato a dire: “La peggiore tragedia di questo millennio”. Siamo solo nel 2009 e il “millennio” dovrebbe durare altri 991 anni, sempre che gli umani sappiano proteggere il pianeta. Come si fa a dire una cosa del genere?

Il mondo della politica è costernato, la stampa indaffarata, gli esperti in fibrillazione. L’enfasi, la necessità di guardare attraverso un buco della serratura per fare domande sempre eguali, l’idea di dover sfinire i cittadini con chilometriche trasmissioni, impone una riflessione: come mai la politica, i valenti giornalisti, i tecnici specializzati evitano di denunciare ritardi e errori quando non accade nulla e poi saltano sull’emergenza per esternare di tutto e di più?

Alla fine i morti saranno presumibilmente più di 150, i feriti moltissimi e decine di migliaia di persone sono già senza casa. Il dibattito sulla ‘prevedibilità’ dei terremoti ha lasciato quasi scomparire il fatto principale: non si muore di terremoto, si muore per il crollo delle case.

Il Giappone e la California sono luoghi nei quali i sismi sono ben più devastanti di quello di ieri in Abruzzo, ma i danni vengono contenuti, le vittime molte meno: perchè? Le leggi impongono standard particolari e case, ponti, edifici pubblici sono costruiti con criteri antisismici.

Nel ‘secolo’ scorso i terremoti sono stati per in nostro Paese un vero e proprio flagello, a cominciare dal 1908 con Messina: 130 mila morti. Poi nel 1915 è Avezzano ad essere distrutta e devastata la Marsica: 30 mila morti. Nel 1930 è la volta dell’Irpinia: 1425 morti. Nel 1943 ancora Marche e Abruzzo. Nel 1958 L’Aquila. Nel 1963 Ariano Irpino e l’Irpinia. Nel 1968 il Belice, in Sicilia, 370 morti. Nel 1976 il Friuli: mille morti. Il 23 novembre del 1980 sono colpite Irpinia, Basilicata e provincia di Salerno: circa 2 mila morti.

Per il Belice, il Friuli e la tragedia dell’Irpinia sono stati spesi fiumi di denaro. Mai nessuno ha negato che non tutto quel gigantesco budget sia stato utilizzato al meglio. Quelle sfortunate vittime hanno ricevuto giustizia?

Quell’avvertimento è servito a qualcosa? A nulla, nessun piano organico per il rafforzamento delle costruzioni nelle zone pericolose è mai stato fatto, anzi, adesso col miracoloso ‘Piano casa’ si potrà edificare senza neppure porsi i problemi dei rischi sismici.

Ieri l’elettrodomestico preferito dagli italiani ha sfornato ore di parole, oggi si piangeranno le vittime, domani si lottizzeranno i finanziamenti per la ricostruzione.

Speriamo anche che qualcuno si ricordi di controllare, ma se si giudica per esperienza c’è da aver poca fiducia. Perchè la strage abruzzese era ampiamente annunciata.


Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008