cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » politica
Regola la dimensione del carattere: A A

Il popolo degli aspiranti politici

Autore: . Data: martedì, 21 aprile 2009Commenti (0)

Sono stati presentati i simboli dei partiti per le prossime elezioni europee. Un esercito di formazioni in un Paese dove la politica è un lavoro nel quale l’unica cosa non richiesta è il curriculum.
politicaLa recita è andata in scena davanti al Viminale da domenica 19 aprile fino alle 16 di ieri. In totale i simboli presentati sono 93 per 89 liste. Nel 2004 i simboli depositati furono 71, a dimostrare che la ‘semplificazione’ del quadro politico italiano è una chimera.

Alle otto, a cancelli appena aperti, sono arrivati i ‘Liberal democratici-Movimento associativo italiani all’estero. I Ld sono un neopartito formato da Italo Tanoni e Daniela Melchiorre, ex sottosegretario alla Giustizia del governo Prodi, eletta alle ultime elezioni con Berlusconi ed adesso in proprio. Compete insieme al Movimento associativo italiani all’estero dell’onorevole italo-argentino Ricardo Franco Merlo, ed in questo modo evita la faticosa raccolta firme in tutta Italia.

A ruota gli altri, noti e meno noti. Intenso l’uso della parola Lega. C’è la Lega per l’autonomia lombarda, la Lega alleanza lombarda, la Lega Nord-Bossi, la Liga veneta, Indipendenza veneta ed anche una lista dei Grilli parlanti-Lega nord-No euro. Poi ci sono la Lega per il Meridione e gli Autonomisti di Piergiorgio Goisis e la lista “Province autonome”, presentata da Max Loda. Quindi il Partito del Nord Est, fondato dall’imprenditore Giorgio Panto, scomparso tragicamente nel 2006 in un incidente aereo. E Renzo Rabellino, della lista ‘No Euro – Lista dei Grilli parlanti’,  Luca Romagnoli europarlamentaree della ‘Fiamma tricolore’  e il dottor Cirillo degli ‘Impotenti esistenziali’

Per il centro-sinistra è stato depositato il contrassegno del Partito democratico, ma i co-fondatori hanno presentato anche i simboli di Ds e Margherita per evitare che altri li utilizzino. Lo stesso ha fatto il Pdl, che ha pure consegnato i marchi di Forza italia ed An.

A sinistra c’è ‘Sinistra e libertà’, che comprende il Movimento per la sinistra di Nichi Vendola e Franco Giordano, i Verdi di Grazia Francescato, ai quali si sono uniti i socialisti di Riccardo Nencini e Sinistra democratica di Claudio Fava. In aperto confronto con loro c’è la “Lista Comunista Anti Capitalista”, composta dl Rifondazione Comunista, Comunisti italiani, Socialismo 2000 e Consumatori Uniti. Poi Sinistra critica, il Partito comunista dei lavoratori e i ‘vecchi’ Rifondazione comunista, Sinistra democratica e così via in funzione ‘antiplagio’.

Nonostante le precauzioni, però, due diverse persone si sono presentate con il simbolo dei Ds con la Quercia, mentre Udc e Dc di Pizza e hanno presentato tutte e due lo scudo crociato con la scritta ‘Libertas’. La Dc di Sandri ha presentato lo scudo crociato ma con la scritta ‘Liberi dal 1942′.

I socialisti ed il Nuovo Ps hanno presentato entrambi il simbolo del garofano con la dicitura ‘socialisti uniti per l’Europa’, quindi la lista Democrazia Europea con ben 5 simboli diversi. Pri e MRe utilizzano tutti e due il simbolo dell’edera. Mirella Cece, una specialista da trent’anni puntuale come sempre ha consegnato il suo ‘Sacro romano impero liberale cattolico’.

Al Viminale è stato allestito un cartellone sul quale sono affissi i simboli via via registrati (si fa per dire). Ci sono anche l’Asinello e quello dei Democratici fondati da Arturo Parisi.

Hanno ‘marcato visita’ Udeur, Azione sociale di Alessandra Mussolini, Italiani nel mondo di De Gregorio e Pri, ma tutti sono ai margini del Pdl e Mastella (Udeur) sarà candidato con Berlsuconi.

Per superare lo sbarramento del 4 per cento acuni si sono uniti, come Mpa, La Destra, Adc e Pensionati. Per raggiungere la soglia, infatti, si sono formate altre due aggregazioni.

Quindi gli stravaganti: il dottor Cirillo oltre agli  ‘Impotenti esistenziali’ ha presentanto ‘Italia dei Malori,’ ‘Italiani poca cosa…?’, ‘Donne insoddisfatte e incomprese’, ‘Preservativi gratis’. Il fantasioso dottor C ha avuto fortuna e grazie al suo ‘temperamento’ è stato chiamato ad interpretare uno psicologo specializzato in sessuologia dal regista Tinto Brass.

Per gli amanti dell’arte c’è in lizza il ‘Movimento dei giovani poeti d’azione’, fondato nel 1994 da Alessadro D’Agostini che sostiene: “Noi siamo come i dadaisti e siamo impegnati a portare l’attenazione sui temi dell’arte, della cultura e dello spettacolo che sono totalemente assenti dai programmi sia dalla maggioranza che dell’opposizione”.

Un nostalgico della Rivoluzione francese ha pensato a ‘Libertè, Egalitè, Fratenitè” e le ha sistemate con l’immagine di un salvadanaio con la frase ‘Recupero del maltolto- chiudiamo le province, acqua bene comune, no amnistie’. Altrettanto singolare il contrassegno di ‘Giustizia sociale-Mani pulite’. Infine il ‘Fronte dell’Uomo qualunque’ con l’immagione di un cittadino schiacciato da una pressa fedele a quello di movimento fondato da Guglielmo Giannini.

Forse si potrebbe organizzare un concorso per eleggere il più bizzarro, ma non sarà facile trovare un vincitore.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008