cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca, esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Il caso di Eluana Englaro aiuta gli spagnoli

Autore: . Data: mercoledì, 1 aprile 2009Commenti (0)

Dopo la morte della ragazza italiana la registrazione di ‘testamenti biologicì’ da parte degli iberici è cresciuta.

testamento-biologicoLa vicenda della ragazza italiana ha avuto larga risonanza anche all’estero ed in particolare in Spagna, almeno secondo il quotidiano Publico. Il numero globale di testamenti biologici rimane comunque basso in Spagna, dove nel 2007 il governo ha istituito un registro nazionale al riguardo.

Secondo alcune stime sarebbero circa 50mila, meno dell’1 per cento della popolazione adulta, mentre nei Paesi anglosassoni, sempre secondo il giornale, raggiunge il 25 per cento.

Il rocesso di veloce modernizzasione della società spagnola, tuttavia, ha fatto registrare negli ultimi mesi un incremento, come confermano le regioni nelle quali sono disponibili statistiche.

Nelle Baleari, nei primi tre mesi del 2008, le richieste di registrazione erano state 90, nel primo trimestre del 2009 sono già 122. La crescita è confermata anche dall’associazione Derecho a Morir Dignamente (Dmd), che informa i cittadini su come preparare un testamento biologico.

Il coordinatore di Dmd, Cesar Caballero, ha detto: “Prima venivano da noi tre o quattro persone a settimana, ora riceviamo lo stesso numero di visitatori ogni giorno”.

Saranno ancora pochi, ma hanno la possibilità di fare una cosa che agli italiani è impedita.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008