cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Obbligazionisti e azionisti in causa contro Alitalia

Autore: . Data: mercoledì, 25 marzo 2009Commenti (0)

Consumatori Associati lancia una causa collettiva contro gli amministratori della Compagnia, mentre il ‘Sole 24 ore’ parla di un disaccordo con Toto sul prezzo di acquisto di Air One.

ala-alitaliaL’associazione ‘Consumatori Associati’ raccoglierà adesioni in tutta Italia e poi avvierà una causa collettiva contro gli ex amministratori della compagnia aerea nel periodo 2000/2008, per ottenere il risarcimento danni subiti da zionisti ed obbligazionisti.

Il presidente Ernesto Fiorillo ha detto: “Consumatori associati rappresenterà moltissime persone che possiedono milioni di azioni Alitalia contro gli ex amministratori della compagnia aerea per chiedere un adeguato risarcimento. È stata depositata difatti, lo scorso 12 marzo, la prima causa civile degli azionisti ed obbligazionisti Alitalia contro tutti gli ex amministratori delle società che, con i loro comportamenti attivi e/o omissivi ne hanno causato il dissesto e, conseguentemente, la totale perdita del valore dei titoli”.

Fiorillo ha continuato: “Nessuna associazione dei consumatori o ente aveva promosso, sino ad oggi, alcuna azione per il risarcimento. Solo coloro che aderiranno alla azione potranno ottenere il risarcimento necessario per avere accesso a quei limitati fondi dei conti dormienti. Oltre a ciò, l’azione mira ad ottenere da tutti gli ex amministratori, in solido, il risarcimento integrale del danno costituito dalla perdita di valore dei titoli. Con l’azione di responsabilità in sede civile aggrediremo gli amministratori, che hanno ricevuto compensi per svariati milioni di euro, con migliaia di cause. La nostra associazione ha sempre sostenuto che il dissesto di Alitalia deriva dalla cattiva amministrazione e da precise responsabilità dello Stato, azionista di maggioranza della compagnia aerea”.

Intanto sul fronte Alitalia-Cai ieri  cda ha cooptato i rappresentanti di Air France nel comitato esecutivo della compagnia.

I due membri del comitato espressi dalla compagnia francese sono Jean-Cyril Spinetta, presidente del Consiglio di Amministrazione di Air France-Klm, e Bruno Matheu, il direttore generale aggiunto marketing e rete del gruppo franco-olandese.

Il comitato esecutivo comprende sette italiani: il presidente Roberto Colaninno, l’ad Rocco Sabelli, Angelo Riva, Gaetano Miccichè, Francesco Paolo Mattioli, Carlo Toto ed Ernesto Monti. Il vicepresidente Salvatore Mancuso può partecipare senza diritto di voto.

Intanto ieri il quotidiano ‘Il Sole 24 ore’ ha pubblicato un articolo a firma di Gianni Dragoni nel quale si leggeva: “‘C’è una coda nel negoziato tra i ‘patrioti’ della nuova Alitalia privata e Carlo Toto sul prezzo di acquisto di Air One. Secondo indiscrezioni, c’è una differenza nel calibrare il prezzo di circa 7 milioni di euro, tra le richieste dell’imprenditore abruzzese e quanto il vertice della società guidata da Rocco Sabelli è disposto a riconoscere. Per comporre il disaccordo, compratore e venditore hanno nominato una società di revisione nel ruolo di arbitro indipendente. Secondo indiscrezioni sarebbe PriceWaterhouseCoopers (Pwc), che si aggiunge alle due società che rappresentano le parti”.

La notizia sorprende, perchè fino ad oggi si sapeva che Air One era stata pagata crca 300 milioni di euro. Da quella cifra, poi, Toto ha investito 60 milioni in Alitalia-Cai.

Più complicato è capire quali accordi siano stati presi per gli aerei che sempre Toto aveva opzionato da Airbus e che dovrebbero essere ceduti in leasing alla ‘cordata ex patriottica’. Fino ad oggi sull’intera operazione sono state diffuse dichiarazioni, ma non si è mai visto un documento ufficiale.

Se le indiscrezioni del ‘Sole 24 ore’ dovessero essere confermate diventa sempre più evidente la confusione nella quale si è sviluppata l’intera trattativa.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008