cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Un noir ‘politico’: “Vite bruciate”

Autore: . Data: martedì, 17 febbraio 2009Commenti (0)

E’ il titolo del nuovo romanzo di Dominique Manotti. Storie di operai vittime delle speculazioni dei finanzieri e del potere politico.

manottiIl libro è un noir (Marco Tropea editore) basato su due fatti realmente accaduti in Francia a fine anni Novanta: lo sciopero di una fabbrica finito in incendio doloso, causato dal padronato per nascondere intrighi e manovre e la discussa fusione Matra-Thomson.

Manotti, considerata tra le regine del noir francese, è una storica ed ex sindacalista, una lucida coscienza critica della sinistra francese. L’autrice racconta: “Nei miei romanzi è sempre presente un intrigo finanziario, qui in particolare volevo mettere a confronto un fronte immateriale e uno reale, immaginando le ripercussioni delle decisioni prese dai vertici delle aziende su chi lavora, vive e muore in fabbrica”.

Giocato su due piani paralleli, il libro alterna la storia della trattativa tra i dirigenti per l’acquisizione della Thomson da parte della cordata Matra-Daewoo e della concorrente Alcatel, con la cronaca della vita quotidiana degli operai che lavorano nella filiale Daewoo di Pondange, in Lorena.

Inconsapevoli pedine degli intrighi orditi a Parigi e Bruxelles, gli operai pagano sulla loro pelle la mancanza di misure di sicurezza in una fabbrica che in realtà altro non è che collettore per i fondi della comunità europea.

Quando un’operaia incinta muore fulminata e un’altra, che osa reagire, viene licenziata, la fabbrica intera si ribella: gli operai occupano gli edifici, sequestrano i dirigenti, analizzano i documenti e scoprono, senza percepirne la reale importanza, imbarazzanti segreti industriali che arrivano a coinvolgere le più alte cariche francesi.

La loro rivolta non dura nemmeno lo spazio di una notte: il tempo per i padroni di assoldare dei mercenari che danno fuoco alla fabbrica e mettono fine alle speranze di tutti, dal sindacalista all’operaia licenziata, dall’immigrata in cerca di riscatto al leader sindacale che ha guidato i compagni contro i padroni e viene accusato del dolo.

Tutti, in un modo o nell’altro, pagano cara la speranza di un cambiamento e le decisioni prese da chi in fabbrica non ha mai messo piede.

La Manotti prosegue la sua attività politica con una scrittura incentrata sul mondo del lavoro e sugli intrighi finanziari. La scrittrice sostiene di voler annullare ”l’assurdo distinguo tra economia reale e finanza: le banche sono reali quanto le fabbriche: è una questione di responsabilità, perchè le morti bianche sono come un’assurda tassa sulla finanza”.

Se la finanza è l’argomento caldo dell’inizio del nuovo millennio, il noir è il genere più adatto a raccontare questo periodo ”perchè non finisce mai con lo ristabilimento dell’ordine, come un giallo, un poliziesco, ma riflette tutta l’incertezza e l’assenza di speranza del tempo presente”.

Proprio la mancanza di speranza ha messo l’ex sindacalista sulla via della scrittura: ”sono storica di professione ed ero specializzata nel mondo imprenditoriale del XIX secolo, la storia per me era meravigliosa perchè con le mie conoscenze potevo agire sul presente, poi – racconta – è arrivato al potere Mitterand e la sinistra francese è morta, rendendomi impossibile l’uso delle mie ricerche per agire sul contingente”.

Dopo dieci anni, l’illuminazione: ”Se non ho più presa sul mondo dove vivo – racconta di aver pensato – posso almeno raccontarlo”. E lo ha fatto con un impegno tale che la sua ultima opera, ‘Vite bruciate’, gli è valsa l’assegnazione da parte della Crime Writers Association del Dagger 2008 per la migliore opera tradotta, battendo autori come Andrea Camilleri e il fenomeno Stieg Larsson.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008