cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Sarkozy e la stampa francese

Autore: . Data: giovedì, 5 febbraio 2009Commenti (0)

Nicolas Demorand, uno dei cronisti francesi più noti della radio del servizio pubblico France Inter, polemizza per la scelta dei giornalisti che stasera intervisteranno il presidente Nicolas Sarkozy in una trasmissione in diretta dall’Eliseo dal titolo ”Face a la crise” (Di fronte alla crisi).
sarkozyIl giornalista ha detto: “Ci sono gli eletti che ricevono la benedizione e i bocciati. I criteri di scelta non sono nè razionali nè trasparenti. E’ la stessa cosa dai tempi del generale de Gaulle, passando per Chirac e fino a Sarkozy”.

France Inter ha perso l’appuntamento e  la prima volta per una radio sarà Rtl ad avere la diretta.

”Per questa scelta aspettiamo delle spiegazioni”, ha rincarato Demorand sulle pagine del quotidiano Le Parisien. Il programma sarà diffuso contemporaneamente da tre tv, la pubblica France 2 e le private Tf1 e M6 e per la prima volta da una radio, Rtl appunto.

I quattro giornalisti avranno 30 minuti ciascuno per rivolgere le proprie domande al capo dello Stato su temi decisi in anticipo, tutti riguardanti la crisi economica e finanziaria. Sono: Laurence Ferrari, conduttrice del Tg delle 20 su Tf1, quello più seguito, David Pujadas, il suo concorrente su France 2, Guy Lagache di M6 e, per Rtl, Alain Duhamel.

Duhamel è un editorialista e ha soffiato il posto a Jean-Michel Apathie, un esperto intervistatore politico, e la cosa ha sollevato perplessità. ”Chi lo ha scelto, Rtl o l’Eliseo?”, ha aggiunto il giornalista di France Inter ricordando che ”quando era candidato, Sarkozy aveva promesso delle conferenze stampa all’americana, aperte a tutti e dove tutti possono fare domande”.

I rapporti tra il presidente francese e i media non tendono a migliorare.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008