cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Per le mamme di Alitalia oggi sit in a Montecitorio

Autore: . Data: venerdì, 27 febbraio 2009Commenti (1)

Oggi le mamme ‘inCaivolate’ hanno organizzato una manifestazione  a Roma per chiedere l´applicazione della legge che permette l’esenzione dal lavoro notturno.
alitalia1Dalle 13 alle 15 il personale della Compagnia, insieme alle famiglie ed ai bambini, chiederà cha la legge 151/2001 art. 53 sia applicata da Alitalia-Cai. La vicenda è complicata. Nel gennaio 2009 il Commissario europeo per le pari opportunità Vladimír Spidla aveva contestato all´Italia un comportamento discriminatorio nei confronti delle lavoratrici madri relativamente all´esenzione dal lavoro notturno, nel corso del primo anno di vita del bambino. La legge italiana, infatti, considerava obbligatorio per le mamme il non lavoro notturno durante quel periodo, di fatto limitando la libera scelta delle donne. In realtà l’escludere totalmente la richiesta è cosa diversa dall’obbligatorietà.

L’esenzione riguarda principalmente i genitori separati di figli al di sotto dei dodici anni e il personale che deve prendersi cura di familiari non autosufficienti. Sull’argometo il ministero del Lavoro in due diverse occasioni ha dato interpretazioni diverse. Ad un primo interpello, che in linguaggio più semplice significa parere, si era addirittura allargato il diritto di esenzione ai due coniugi affidatari e non solo alle mamme monoaffidatarie, in un secondo, invece si soteneva che l´esenzione dal lavoro notturno non poteva trovare applicazione per il personale navigante delle compagnie aeree.

Non è dato comprendere i motivi della repentina inversione di rotta, ma l’impressione che la forza ‘politica’ della ‘cordata ex patriottica’ possa aver influito sulle interpretazioni del ministero non è destituita di fondamento, specialmente in un momento nel quale si arriva a proporre ai lavoratori dei pubblici servizi lo sciopero virtuale, che significa lavorare lo stesso e non essere pagati (il salario del giorno finirebbe in un fondo si solidarietà).

Le lavoratrici di Alitalia-Cai, hanno subito dopo l’avvio della nuova Compagnia deciso di intraprendere azioni legali a tutela dei propri diritti e nel frattempo attraverso un passaparola hanno cominciato a pensare alla manifestazione di oggi. Il sit-in avrà il sostegno di Sdl. Oggi, con lo slogan “se la mamma mia va in volo, io stanotte dormo solo”, cercheranno il sostegno di chi fino ad oggi molto ha giudicato e poco compreso quello che davvero è successo nella lunga vicenda di Alitalia.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (1) »

  • susi ciolella ha detto:

    MAMMA SEI SEI IN VOLO QUESTA NOTTE SONO SOLO è lo slogan dei figli
    delle hostess.
    ieri ero alla manifestazione delle mamme,
    ero li perchè oltre ad essere una mamma, sono una cittadina a cui
    stanno togliendo poco alla volta ogni diritto.
    il diritto di tutelare i figli minori ,il diritto di tutelare un
    parente diversamente abile ,il diritto di protesta ,il diritto di
    lavorare, il diritto di vivere e di morire come meglio credo..sono una
    cittadina a cui pia piano stanno togliendo la propria dignità.
    Io non mi arrendo e continuero a lottare per ognuno di questi diritti.

    SUSY

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008