cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca, primo piano
Regola la dimensione del carattere: A A

Italiano ubriaco investe un rumeno, lo uccide e fugge

Autore: . Data: martedì, 24 febbraio 2009Commenti (0)

Ieri la notizia avrebbe potuto aprire le edizioni di tutti i telegiornali, se fosse stata inversa. Invece è finita relegata in qualche angoletto dei notiziari ed è quasi stata ignorata dai giornali.
razzismo1Noi di InviatoSpeciale invece vogliamo dedicargli lo spazio più importante del giornale.

Un ragazzo di 24 anni, residente a Castelnuovo di Porto, un paesetto vicino Roma, mentre viaggiava a bordo della sua auto in direzione Capena, ha investito e ucciso un uomo di 31 anni, residente a Roma, che camminava lungo il margine della strada provinciale ed è fuggito. Solo in seguito si è presentato dai carabinieri per denunciare l’accaduto. Il ventiquattrenne è risultato positivo al test dell’etilometro e alle analisi per accertare l’uso di sostanze stupefacenti, che hanno evidenziato tracce di cocaina e cannabinoidi.

Un fatto rende la notizia di un certo interesse: il pirata della strada era italiano, mentre la vittima un operaio un romeno che lavorava presso una ditta di Capena.

Nessun Tg ha potuto gridare all’ennesimo omicidio commesso da un ‘romeno ubriaco’, nessun moralizzatore ha chiesto di ‘cacciare gli stranieri’, nessuna folla di italiani ‘onesti’ ha circondato il comune chiedendo al sindaco di ‘ripulire la zona’ e nessun difensore della quiete ha subito organizzato una ronda.

Semplicemente la notizia è scomparsa nel nulla, appena sussurrata, leggera come una foglia al vento. Il piccolo fatto di cronaca racconta più di qualunque alta cosa la strumentalizzazione razzista che ormai dilaga nei media nazionali e permette di ricordare che i reati non hanno nazionalità. Un ragazzo ha investito un pover’uomo e c’è da sapere che dov’è adesso il passaporto non serve.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008