cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca, primo piano
Regola la dimensione del carattere: A A

Governo, la sicurezza sul lavoro può attendere

Autore: . Data: giovedì, 12 febbraio 2009Commenti (0)

Approvato ieri al Senato il cosiddetto decreto “milleproroghe” con voto di fiducia. Slitta di due anni la presentazione delle norme attuative del Testo Unico contro gli infortuni sul lavoro

cantiereLe cronache sono impietose: dal primo gennaio fino a ieri sono morte sul lavoro 119 persone a fronte di 119.118 infortuni. Numeri impressionanti, sintomo di un’emergenza nazionale troppo spesso sottovalutata.

Ieri al Senato è stato approvato il decreto cosiddetto decreto “milleproroghe”, con il ricorso al voto di fiducia. Si tratta di un calderone omnicomprensivo che interviene su varie discipline. Nel corso del dibattito, tra i vari emendamenti, tre hanno destato l’attenzione di chi si occupa di sicurezza sul lavoro. I primi due li ha proposti la Lega Nord ed erano finalizzati ad abolire la figura dei Rappresentanti dei lavoratori alla sicurezza nelle aziende sotto i 16 dipendenti. Il terzo disponeva invece l’ulteriore rinvio di altri due anni per l’emanazione dei decreti attuativi del dlgs. 81/08, meglio noto come Testo Unico per la salute e sicurezza, approvato dal centrosinistra al fotofinish poco prima dello scioglimento delle Camere, lo scorso aprile.

Ebbene, i primi due emendamenti sono stati ritirati dal governo prima del voto finale (probabilmente in seguito alle vibrate proteste dei sindacati, della sinistra e di una parte del Pd). Il terzo, invece, è rimasto e comporta l’inapplicabilità di parte dell’articolato di legge in assenza di disposizioni legate alla loro attuazione.

Va ricordato, a margine del voto del Senato, che pochi giorni fa, il 4 febbraio per l’esattezza, il ministero del Welfare – nel Documento di programmazione dell’attività di vigilanza – ha previsto per il 2009 138mila ispezioni nei luoghi di lavoro, il 17% in meno rispetto all’anno scorso.

Dunque il segno impresso dal governo sul tema-infortuni è piuttosto chiaro: meglio eccedere in cautela per non rischiare di entrare in rotta di collisione con il sistema delle imprese. Che per mesi hanno imputato al centrosinistra un approccio ingiustamente punitivo sul tema degli infortuni.

La decisione volta all’allungamento dei tempi ha indispettito i sindacati più attenti ai bisogni e alle difficoltà dei lavoratori, che chiedevano al contrario di entrare quanto prima nel merito dell’applicazione del nuovo articolato legislativo. Per non continuare ad imbattersi nel solito, penoso bollettino di una guerra mai dichiarata ma sotto gli occhi di tutti.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008