cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » tu inviato
Regola la dimensione del carattere: A A

Dhobi Ghat, le lavanderie di Mumbai

Autore: . Data: giovedì, 12 febbraio 2009Commenti (0)

In uno spazio di 8 chilometri quadrati vicino alla Mahalaxmi Train Station, sorgono le open laundry, meglio conosciute come Dhobi Ghat (dhobi-lavandaio, ghat-lavanderia). L’india vista da Annibale Greco per ‘Tu Inviato’

mumbaiVi lavorano circa  10.000 dhobi in 1026 vasche o blocchi (blocks) come vengono chiamati.

E’ un lavoro, duro, stressante, fatto in gran parte da uomini. Tutti vivono nelle lavanderie con le proprie famiglie e l’arte è tramandata di generazione in generazione.

Si lavano panni di alberghi, di ospedali, di industrie di vestiario europee ed americane. Nel caso dei panni derivanti dagli ospedali è richiesta anche la sterilizzazione.

Quelli che vengono invece dalle multinazionali che hanno manifattura a Mumbai richiedono spesso un trattamento chimico per la rimozione delle macchie e in alcuni casi, uno per il fissaggio del colore. I capi vengono portati e riconsegnati il giorno successivo.

Il trattamento chimico è dannoso, “è fastidioso” sostiene un dhobi, tanto che alcuni dopo molte ore di lavoro non riescono neppure a mangiare con le proprie mani. L’esposizione ripetuta e costante agli agenti in alcuni casi può portare fino ad elefantiasi.

Lavaggio e trattamento chimico viene pagato dalle 5 alle 10 rupie (150-300 delle vecchie lire).

Il dhobi lavora per 14/16 ore tutti i giorni per 120 rupie al giorno, poco più di due euro.

Annibale Greco

sito web


Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008