cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Trenitalia e l’assessore lombardo

Autore: . Data: venerdì, 16 gennaio 2009Commenti (0)

Raffaele Cattaneo, responsabile dei trasporti alla regione Lombardia è stato identificato dalla polizia mentre verificava l’efficienza dei treni per i pendolari. Ha scoperto una situazone disastrsa.

treni-pendolariDa alcuni giorni l’assessore ai Trasporti della Lombardia, Raffaele Cattaneo, prende i treni dei pendolari per vedere com’è il servizio. Questa mattina il suo viaggio sul treno in partenza da Bergamo alle 7.32 per Milano è finito con la Polfer che lo ha identificato.

Cattaneo ha spiegato che a chiamare le forze dell’ordine nella stazione di Lambrate è stato il capotreno quando si è accorto del giornalista fotografo che viaggiava insieme a lui.

”E’ sconcertante un trattamento da modello sovietico come nemico della patria – ha commentato Cattaneo -. Sono amareggiato e sorpreso che Trenitalia si preoccupi di chi fa le foto e non della qualità del servizio”.

Il treno in questione è arrivato a Milano Centrale – anche a causa del tempo perso per controllare l’identità dell’assessore e del fotografo da parte della Polfer a Lambrate – con 34 minuti di ritardo.

Ma nel viaggio che Cattaneo ha fatto assieme al sottosegretario della Lombardia, Marcello Raimondi, ha anche visto due carrozze chiuse, aperte in un secondo momento, due carrozze senza riscaldamento e una sporcizia indescrivibile.

”Quando siamo arrivati – ha spiegato l’assessore – ho chiamato immediatamente il direttore nazionale del servizio regionale di Trenitalia Laguzzi con cui ho un appuntamento questa mattina. Sono il loro principale cliente come Regione e fra le funzioni che ho c’è anche quella del controllo del servizio che ho esercitato nel modo più elementare, prendendo il treno e pagando regolarmente il biglietto. Negli ultimi cinque giorni ho preso cinque treni diversi. Sono sorpreso che non controllino i biglietti ma chi fa le fotografie”.

Efficienza della ‘bassa’ velocità di Trenitalia.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008