cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Si cominciano a verificare le distruzioni a Gaza

Autore: . Data: martedì, 20 gennaio 2009Commenti (0)

Il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha iniziato una visita nella striscia di Gaza per constatare l’entità dei danni subiti dalla popolazione locale durante l’operazione ‘Piombo Fuso’ e per verificare le necessità immediate dell’Unrwa, l’agenzia per i rifugiati.
ban_ki_moonBan Ki-moon ha voluto in particolare visitare una scuola dell’Unrwa che durante i combattimenti è stata bombardata da Israele e fu teatro di una strage. per par condicio nel pomeriggio visiterà anche la città israeliana di Sderot, spesso bersagliata dai razzi palestinesi.

Secondo le autorità di Gaza, durante l’aggressione israeliana sono andate completamente distrutte 5.000 case, 20 moschee e 16 edifici ministeriali. Altre 20 mila abitazioni risultano essere danneggiate.

Il premier israeliano Ehud Olmert, proseguendo una campagna propagandistica inamissibile, ne ha imputata la responsabilità su Hamas arrivando a dire: ”Proprio Hamas ha la piena responsabilità di quelle distruzioni e dei danni agli innocenti”.

Il governo Olmert è stato accusato da Amnesty international di aver compiuto “crimini di guerra” durante le operazioni nella Striscia di Gaza.

Mentre Ban iniziava la visita, la tensione è rapidamente salita, quando una pattuglia militare israeliana è stata attaccata da miliziani palestinesi al valico di Kissufim. Poco dopo si è appreso dal campo profughi di Jabalya che un agricoltore era stato ucciso da spari, forse esplosi da militari dui Tsahal.

In mattinata due bambini palestinesi sono stati uccisi ad est di Gaza dalla esplosione accidentale di un ordigno, che secondo fonti locali era stato abbandonato dall’esercito israeliano.

Non è escluso che le autorità di Tel Aviv vogliano tenere alta la tensione nel paese. Stamani In Israele le sirene sono risuonate per un falso allarme che avvertiva di un attacco a colpi di mortaio mai avvenuto. Le capacità di controllo da parte delle istallazioni militari israeliane è totale, per cui l’episodio si mostra sospetto.

Ieri Israele aveva anticipato che il ritiro israeliano da Gaza sarà completato oggi nel pomeriggio, prima dell’inizio della cerimonia di investitura di Barack Obama. Alla luce di questa serie di incidenti, non è ancora chiaro se questo ritiro sarà effettivamente completato.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008