cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca, esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Gaza, piano per uscire dalla crisi

Autore: . Data: mercoledì, 7 gennaio 2009Commenti (0)

Un piano franco-egiziano prevede il cessate il fuoco immediato e una serie di garanzie e impegni che dovrebbero riguardare sia israeliani che palestinesi. difficilmente sarà accolto da tel Aviv.

gaza-martyrLe garanzie messe a punto da Mubarak e Sarkozy dovrebbero includere il “piano di sicurezza per le frontiere”, chiesto da Tel Aviv e “l’apertura di punti d’accesso sulle linea di confine e la fine dell’assedio della Striscia”, rivendicati dai palestinesi. Secondo il presidente francese Nicolas Sarkozy “fra 4-5 giorni le parti potrebbero raggiungere un accordo sull’impermeabilità delle frontiere”, con un conseguente “ritiro di Tsahal da Gaza fra circa otto giorni”.

Ecco i tre punti punti del piano:

1) Israele e Hamas accettano un cessate il fuoco temporaneo per permettere l’arrivo degli aiuti umanitari per la popolazione di Gaza.

2) Su invito dell’Egitto, Israele e palestinesi, insieme ai rappresentanti dell’Unione Europea e a quelli di “altre parti”, pongono le basi per evitare una nuova crisi. Un simile accordo includerebbe “un piano di sicurezza per le frontiere” con lo scopo di fermare il passaggio di armi che si sviluppa attraverso tunnel al di sotto dei 15 chilometri di frontiera tra la Striscia di Gaza e l’Egitto. Ai palestinesi sarebbero garantiti punti di passaggio sulla linea di frontiera di Gaza, come previsto dagli accordi del 2005.

3) L’Egitto convoca le componenti politiche palestinesi,  Fatah, con il presidente dell’Autorità nazionale palestinese Abu Mazen e Hamas per colloqui di pace che portino ad una mediazione dei contrasti tra le diverse organizzazioni.

Alla luce della situazione queste proposte difficilmente saranno accolte da Olmert e Livi. Per tutta risposta al tentativo franco-egiziano Israele ha intensificato la sua offensiva.


Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008