cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Amore e camorra: i clan sono “neomelodici”

Autore: . Data: martedì, 9 dicembre 2008Commenti (4)

Alessio, Raffaello, Ciro Ricci: la nuova musica partenopea è lontana dalla sceneggiata di Mario Merola. Sia per incassi che per contenuti. E su entrambi la camorra ha da tempo messo le mani.

Quando, il 13 novembre di due anni fa, moriva stroncato da un’insufficienza respiratoria il leggendario Mario Merola, re della sceneggiata partenopea, solo i più avveduti immaginavano che l’ombra del Vesuvio avesse già in incubazione un’intera generazione di nuovi virgulti pronti a prenderne con vigore il posto.

C’era, è vero, il reuccio Gigi D’Alessio, cui nel brano “Cient’Anne” Merola passava idealmente lo scettro di voce ufficiale di Napoli, ma da allora – il 1999 – il panorama era decisamente cambiato.

Oggi, la musica neomelodica è arrivata a quella che potremmo definire la ‘terza generazione’; e, come in ogni famiglia napoletana che si rispetti, non ci si è risparmiati nella procreazione. Merola prima e Nino D’Angelo poi – rappresentanti della Campania felix anni ’80, della Napoli del Pibe de Oro – avevano infatti lasciato il posto proprio a D’Alessio: il quale, una volta assurto agli onori della cronaca ed allontanatosi almeno a livello linguistico dalle pendici del Vesuvio, è stato poi velocemente rimpiazzato da una nuova schiera di urlatori con nomi d’arte quali Raffaello, Alessio, Donatello.

Se vi sovvengono solo i nomignoli delle famose tartarughe ninja, non vivete nel paese d’o sole: qui ogni teenager che si rispetti conosce a memoria i testi di “Ma si vene stasera” (Alessio) o di “Chill’ va pazz p’te”, dell’ormai affermato Ciro Ricci. Fenomeni regionali, o quando va peggio persino cittadini? Poco male, molto spesso, visto che il costo per produrre un cd è ormai minimo, il “rischio” di finire sui grandi network nazionali c’è eccome (Alessio, il cui cd è distribuito da Edel, è già comparso su Mtv) e di perdite non ce ne sono praticamente mai.

Belli come tronisti d’accatto e piacevolmente disacculturati, i neomelodici di terza generazione danno però una sterzata notevole al fiorente immaginario che Merola, con la sua sceneggiata, contribuì a creare, distorcendo ed in parte rinnegando i propri padri spirituali. Sign o’ the times, direbbe Prince.

Prima di tutto a livello puramente estetico: se Merola era chiaramente figlio del popolo e D’Alessio, seppure ripulito ed aggiornato, si innestava nella stessa falsariga, questi piccoli divi sono chiaramente il trionfo dell’apparire. C’è chi fa collezione di rolex, chi dichiara che come primo impegno quotidiano ha “il parrucchiere”, chi cambia in continuazione automobili da top manager: una sorta di gangsta rappers in salsa vesuviana, pacchiani come un 50 Cent e con la stessa deviata filosofia di vita.

Ma è soprattutto a livello contenutistico che si possono trovare svariate analogie con il filone gangsta americano. Certo, neanche nei grandi successi di Merola il messaggio era positivo, ma il tutto era quantomeno filtrato dalla teatralità sopra le righe dell’attore; oggi la Napoli canora, accanto alla consueta canzone strappalacrime, non si vergogna di parlare apertamente di racket e pentiti, dando fiato senza remore ai tanti che segretamente considerano la camorra una salvezza piuttosto che un cancro. Titoli come “Il mio amico camorrista” o “Femmene d’onor’”, entrambi a nome della divetta in ascesa Lisa Castaldi, parlano da soli; ma anche il già citato Ciro Ricci difende a spada tratta, in versi ma anche con (imbarazzanti) interviste a network nazionali, mafiosi e “guagliun’ e miezz’ a via”.

Vox populi vox dei? Probabile che sia così: questa sarabanda di star locali non è certo il primo esempio di arte che celebra le pulsioni più riprovevoli del popolino, dando loro diffusione ed una certa veridicità. Ma in questo caso non è tutta farina del loro sacco, e bastano pochi dati per individuare quanto sia forte il legame tra camorra e filone neomelodico. E’ stato il regista Matteo Garrone, che ha inserito molti di questi brani nel suo premiatissimo “Gomorra”, a scoprire che dietro Rosario Armani, paroliere per eccellenza della schiera neomelodica, si nascondeva Rosario Buccino, da anni latitante per reati contro il patrimonio; ed è nota la parentela di Carmine Sarno, titolare dell’agenzia di promoting “Bella Napoli”, con Ciro Sarno detto “’o Sindaco”, capo dell’omonimo clan operante nella zona di Ponticelli ed oggi condannato all’ergastolo.

Ma d’altronde, che mafia e music business partenopeo vadano a braccetto è noto sin dagli anni ’80, quando il boss Luigi “Lovigino” Giuliano – autore peraltro ancora in attività, visto che ha scritto proprio la fortunata hit di Ricci che citavamo in apertura – richiese la diffusione a tappeto della musica neomelodica nel capoluogo campano. E così fu: da allora, ed oggi più che mai, il produttivo filone neomelodico svolge con ogni probabilità un doppio servizio alla camorra: quello evidente di riciclo di soldi sporchi e quello, più sottile ma non meno importante, di spargimento a macchia d’olio di una “controcultura” mafiosa. Necessaria per mobilitare nuove generazioni di piccoli, agguerriti malavitosi

Carlo Crudele

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (4) »

  • Biagio ha detto:

    La musica è bella perché è varia. C’è a chi piace il Rock, a chi il Jazz ecc, Anche la Neomelodica può piacere oppure no. Certo discriminarla solo perché limitata ad una limitata zona geografica (il Sud) sarebbe superficiale. Ci sono canzoni belle e meno belle un po come in tutta la musica del mondo. Poi solo un’insignificante percentuale di canzoni parla di camorra mentre la maggior parte delle altre sono canzoni d’amore.
    Il Rap, invece, che è nato come inno di battaglia tra gang rivali nelle periferie americane non mi risulta che venga discriminato.
    Io sono convintissimo che se il fenomeno Neomelodico fosse nato in un altro paese (per esempio in UK) molto probabilmente sarebbe stato esportato con successo in tutto il mondo compreso dove abito io (al nord). Ma dato che viviamo in un paese ignorante come l’Italia dobbiamo sempre discriminarci gli uni con gli altri. Almeno al Sud possono permettersi di cantare in dialetto… non oso nemmeno immaginare una canzone in bergamasco o in veronese (mi sta venendo la pelle d’oca).
    Viva la musica nel suo insieme.
    UN RAGAZZO DEL NORD

  • ANDREA ha detto:

    complimenti biagio per il tuo commento brillante e acuto…anche io la penso così e da persona che ascolta talvolta la musica neo melodica c’è da dire che è vero che alcuni testi palrano dell’abominevole fenomeno mafioso in maniera un pò troppo figurata,ma c’è anche da dire che molte canzoni in cui i protagonisti che si trovano ad avere guai con la giustizia si pentono e cantano buoni propositi (cambiare vita e andare a lavorare per esempio…)…anche vasco rossi ha scritto canzoni che sono apologia alla droga e intanto…guadagna ancora i suoi bei miliardi e non mi pare che venga discriminato

  • Ombroscuro ha detto:

    Bell’articolo. Complimenti all’autore!!! E proprio vero ciò che c’è scritto. Mi fa piacere tra l’altro notare che ci sono persone come Biagio che non detestano noi del sud. Ma appunto io che sono casertano, posso dirvi che il fenomeno neomelodico risulta dopo una breve analisi finanziato dalla malavita. Nuovi cantanti nascono ogni giorno come muffa, deturpando la mia regione. E la cosa che fa riflettere è vedere dei perfetti incompetenti e ignoranti in ambito musicale, privi di doti e anche di cultura, che vengono magicamente lanciati allo sbaraglio…Chi investirebbe su di loro? Di sicuro non gente normale, con dei propositi leciti. Infatti per strada ogni giorno spuntano fuori un paio di nuove baby-gang, che canticchiano canzoni d’amore e storie di camorra. Sarà solo una coincidenza? Beati voi del nord…beati voi…

  • M3rCuRY ha detto:

    Salve a tutti.
    Ho letto e trovato molto interessante l’articolo di barbera e vorrei approfondire l’argomento. Chiunque di voi, autore compreso, volesse fare con me quattro chiacchiere sui neomelodici, la loro storia e, soprattutto, le loro hit, sarà il benvenuto. Chiedo esplicitamente la pubblicazione del mio indirizzo e-mail affinchè sia reso possibile contattarmi: parlami@hotmail.com
    Vorrei condurre uno studio sull’argomento e mi farebbe piacere se qualcuno di voi avesse suggerimenti per me, riguardanti materiali da leggere, link di siti internet, pubblicazioni varie e materiali video.
    Mi auguro vogliate aiutarmi.
    Enzo

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008