cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Microsoft pronta per l’antivirus gratis

Autore: . Data: venerdì, 21 novembre 2008Commenti (0)

OneCare, l’antivirus a pagamento di Microsoft appende il cappello al chiodo. Sarà sostituito da un nuovo software fino ad ora chiamato in codice “Morro”. E sarà freeware. Una svolta che terrorizza la concorrenza.

Il nuovo tool per la sicurezza sarà messo in circolazione nell’estate del prossimo anno, quando dovrebbe essere rilasciato anche Windows 7. Il software difenderà i cibernetici da da virus, spyware, adware, rootkit e trojan.

Microsoft sembra fare sul serio, perchè insieme al nuovo prodotto gratuito si dice disponibile a rimborsare gli ultimi acquirenti di OneCare, perchè non si debbono sentire truffati per aver pagato una licenza a questo punto inutile.

Fino ad oggi pochissimi erano i produttori di antivirus free, tra i quali i tedeschi di Avira GmbH. La Company di Bill Gates avrebbe deciso il grande passo per diffondere l’uso e la conoscenza della sicurezza tra i consumatori. Per quanto possa sembrare strano, secondo alcune ricerche, almeno il 50 per cento dei possessori di Pc non utilizza software antivirus. Per Microsoft la percentuale nei Paesi del Sud del Mondo la situazione è ancora più grave.

I concorrenti hanno già cominciato a reagire. Joris Evers, rappresentate della famosa McAfee, sostiene che la decisione del leader dei sistemi operativi sia determinata dal fallimento di OneCare, utilizzato da solo il 2 per cento dei consumatori. Secondo McAfee meglio freeware che niente.

Graham Cluley, di Sophos invece guarda con favore all’iniziativa e dice: “Questo annuncio potrebbe procurare qualche notte insonne ai capi di McAfee e Symantec, che sono sempre andati bene nel mercato degli antivirus consumer, e che con i tempi duri che attendono la finanza non saranno piacevolmente colpiti dal trovarsi davanti la possibilità di una ulteriore evaporazione”. C’è anche da ricordare come Sophos non sia sfiorata dalla vicenda, intervenendo solo nel mercato enterprise.

Amy Barzdukas, senior director del management di prodotto in Microsoft, parlando di Morro, ha detto in una intervista che al di là della protezione anti-malware base del nuovo prodotto Morro i più esigenti potranno utilizzare le “eccellenti alternative prodotte dalle case di terze parti”.

La dichiarazione è stata forse ispirata dalle critiche indotte da PatchGuard, la blindatura totale del kernel di Windows Vista a 64 bit, che impedisce l’uso dei software di sicurezza esterni. Microsoft per evitare ulteriori polemiche potenzierà gli standard di protezione dei suoi sistemi operativi Windows aggiornando quelli in uso e lavorando in qesta direzione per il futuro..

Su Slashdot, intanto, si discute sulla qualità di OneCare, ma l’opinione generale è che il suo livello sia molto basso. Così Morro avrà vta difficile, perchè almeno tra i più esperti la diffidenza verso i prodotti Microsoft rimane elevata.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008