cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

La salva manager fantasma

Autore: . Data: sabato, 8 novembre 2008Commenti (0)

Non se ne parla più

La notizia era di qualche giorno fa, ma poi si persa tra le nebbie. Secondo alcune fonti la norma salva-manager, dopo essere stata depennata dal decreto Alitalia, sarebbe ricomparsa nel ddl “Delega al governo per il riordino della legislazione in materia di gestione delle crisi aziendali”.

Alcuni senatori dell’Italia dei valori, Udc e Partito democratico avevano chiesto con una mozione al ministro dell’economia Tremonti di riferire urgentemente in Parlamento.

Secondo i parlamentari dell’opposizione nella proposta d legge del governo sono contenute due ipotesi di equiparazione della dichiarazione di insolvenza a quella di fallimento: la prima riguarda la punibilità delle condotte indebite o ingiustificate tenute nel corso della procedura e le limita all’ipotesi di conversione dell’amministrazione straordinaria in fallimento, (nel corso o al termine della procedura stessa). La seconda scatta nel caso in cui si riscontri “la falsità dei presupposti per l’ammissione alla procedura”, che sono la presenza di non meno di 200 dipendenti e l’ammontare dei debiti non inferiore ai due terzi dei ricavi.

Al momento non si ha notizia di alcuna chiarificazione in merito da parte del governo e tantomeno del ministro Tremonti.

Se dovessere essere confermata l’intenzione di salvare gli amministratori responsabili di veri e propri crack finanziari il titolare dell’economia si dimetterà, come aveva minacciato di fare durante la votazione del decreto Alitalia?

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008