cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Scuola, cortei festosi

Autore: . Data: venerdì, 10 ottobre 2008Commenti (0)

Migliaia di studenti nelle piazze

“Venerdì in piazza portiamo il nostro “SConcerto”… portiamo tutti i nostri strumenti, musicali, rumorosi, divertenti…Contro le dichiarazioni della Gelmini, tutta un’altra musica!! Chitarre, tamburi, fischietti, pentole e cucchiai…. portate in piazza qualsiasi strumento che produca musica o rumore! Fermiamo la Gelmini, fermiamola con la nostra creatività e la nostra capacità di farci sentire! Mentre nelle nostre scuole vengono tolti i luoghi di partecipazione e democrazia, rendendo le scuole posti grigi e tristi dove passare le nostre mattinate, il 10 Ottobre ci riprendiamo le strade, i luoghi pubblici per antonomasia, riempiendole, colorandole, trasformandole in luoghi dove vivere, dove gridare, cantare, suonare…”

Ecco lo spirito con cui 300mila studenti (stima fornita da Unione degli Studenti-UDS) oggi hanno manifestato contro le riforme annunciate dal ministro Gelmini. Queste parole le abbiamo tratte infatti dal sito dell’Unione degli Studenti, delle superiori.
Con occupazioni, autogestioni e assemblee, gli studenti saranno di nuovo in piazza il 30 ottobre con i lavoratori delle scuole nello sciopero generale. Le iniziative culmineranno il 17 novembre con la giornata internazionale di mobilitazione studentesca.

“Ciò che faremo il 10 nelle strade e nelle piazze di tutta Italia lo faremo quest’autunno nelle nostre scuole, riprendendocele e rendendole a misura di studente”, si legge sul sito dell’UDS. “Nessun voto in condotta, maestro unico, riforma o privatizzazione potrà femare la nostra musica”.

La canzone che hanno scelto per accompagnare i cortei parla da sola, “Revolution” dei Beatles.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008