cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Palermo dice no al pizzo

Autore: . Data: sabato, 25 ottobre 2008Commenti (0)

Udienza per 76 boss

Ieri, nell’aula bunker del carcere dell’Ucciardone a Palermo, si è tenuta l’udienza preliminare a carico di 76 tra boss, estortori ma anche commercianti che, negando di avere ceduto alle richieste del pizzo, avrebbero favorito la mafia.

E chissà cosa ha pensato il boss Salvatore Lo Piccolo mentre, dagli schermi del supercarcere di Opera in cui è detenuto,  assisteva alla ribellione delle sue vittime. Lui, che per anni ha imposto il pizzo a decine di commercianti e imprenditori del mandamento mafioso più grande di Palermo è stato spettatore di una contestazione che gli inquirenti definiscono “storica”: 15 taglieggiati si sono costituiti parte civile contro i clan, dicendo “basta” al racket.

Un’udienza che ha contato il maggior numero di vittime mai costituitesi parte civile a Palermo: una pioggia di richieste sottoscritte non solo dai ricattati, ma da decine di associazioni antiracket, da Confindustria Sicilia, Confcommercio, Confesercenti, dagli enti territoriali (Comune e Provincia di Palermo) e per la prima volta anche dall’ufficio del Commissario straordinario Antiracket.

Alfredo Mantovano, sottosegretario all’Interno ha dichiarato al termine dell’udienza: “Sono qui in rappresentanza del Governo perché voglio dire alle vittime che non sono sole. Oltre alle associazioni e alle forze dell’ordine, al loro fianco ci sono le istituzioni”. La speranza è che l’esecutivo superi la propaganda per mostrare un atteggiamento più deciso nei confronti dlle organizzazioni mafiose, al momento trascurate per far spazio al contrasto della microcriminalità, ben più remunerativa in termini di visibilità.

La lotta alla mafia ha ancora molta strada da fare. Durante l’udienza erano presenti Tano Grasso, presidente onorario della Fai, Federazione della associazioni antiracket. C’era anche anche il sindaco di Palermo, Diego Cammarata,  criticato dai giovani di ‘AddioPizzo’.

L’udienza, celebrata a porte chiuse, si è esaurita con “le richieste di costituzione di parte civile sulle quali il gip si pronuncerà mercoledì prossimo”.

Qualche effetto positivo, dopo le scelte fatte dai taglieggiati di Palermo, c’è stato. A Caltanissetta alcuni drigenti di un’azienda vinicola, costretti per anni ad assumere uomini imposti dal clan Riesi, hanno permesso ai carabinieri di arrestatare due estortori.

“Segno che il cammino verso la libertà è stato finalmente iniziato”, ha commentato Tano Grasso. Ma la strada è lunga. “Siamo appena partiti – dice – e l’esperienza della rivolta è ancora circoscritta a pochi. In troppi ancora stanno a guardare”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008