cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Al Ghetto per ricordare

Autore: . Data: sabato, 18 ottobre 2008Commenti (0)

60 anni dopo

Nell’ottobre di sessant’anni fa, a due passi dall’Altare della patria, vennero rastrellati dai nazifascisti gli ebrei romani: gli abili al lavoro ebbero il privilegio di non essere uccisi e furono deportati nei campi di sterminio.

A ricordare una delle pagine più atroci vissute dai cittadini romani si sono dati appuntamento al Ghetto i rappresentanti delle istituzioni e, soprattutto, tanti cittadini che non vogliono dimenticare.

In simili circostanze, purtroppo, la retorica regna sovrana. A questa consuetudine si è sottratto il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, preoccupato che le lezioni impartite dalla storia rimangano d’attualità: “Purtroppo questi appuntamenti – ha spiegato – non sono più solo un atto dovuto ai caduti ma anche uno stimolo affinché non ci sia neanche il minimo dubbio che le diversità possano essere un problema”.

Quel dubbio esiste eccome, a giudicare dalla proposta leghista di mettere in quarantena i bambini immigrati a scuola qualora risulti difficile “integrarli”.

E Zingaretti lo sa bene, così come dovrebbe saperlo chiunque si informi minimamente su quanto si agita nel Paese tra gli insegnanti, gli studenti e i lavoratori.

Tornando alla commemorazione del Ghetto, Alemanno ha definito il rastrellamento di centinaia di ebrei come “una delle giornate più brutte della Roma moderna ed un monito alla convivenza e alla tolleranza per tutti e nei confronti di tutti”.

Presenti anche il presidente della Regione Marrazzo e i rappresentanti della Comunità ebraica guidati dal Rabbino capo Di Segni.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008