cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Sri Lanka, fuga degli umanitari

Autore: . Data: martedì, 16 settembre 2008Commenti (0)

Civili rimasti soli


Dopo due anni di guerra (dimenticata dal mondo), nel nord dello Sri Lanka è arrivato il giorno dell’esodo per gli umanitari. Lo staff delle agenzie Onu e di altre organizzazioni sta lasciando l’area di Kilinochchi, dopo che è stato assicurato loro un corridoio di sicurezza.

La decisione di abbandonare la zona a maggioranza tamil, è arrivata in seguito all’ultima offensiva lanciata dal governo cingalese contro i ribelli indipendentisti delle Tigri, di etnia tamil. I combattimenti fra le due parti sono aumentati così tanto che i volontari erano in serio pericolo di vita.

Al momento nessun giornalista “indipendente” può raggiungere le zone di conflitto e diverse linee di comunicazione con il nord sono state interrotte.
E mentre la comunità internazionale resta a guardare, è necessario chiedere che fine faranno i civili: fonti locali dicono che gli abitanti di Kilinochchi, nell’estremo nord, stanno fuggendo verso l’est, insieme con i ribelli.

La guerra in Sri Lanka è cominciata nei primi anni Ottanta quando il grupppo indipendentista delle Tigri ha lanciato diversi attacchi contro le autorità cingalesi che avevano discriminato i tamil dai tempi dell’indipendenza. Ci sono stati vari tentativi di mediazione da parte della comunità internazionale, ma sono tutti falliti. Dopo l’elezione dell’attuale presidente Mahinda Rajapakse, il conflitto si è intensificato e oggi il bilancio complessivo delle vittime è di almeno 70mila.


Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008