cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Prostituzione, i clienti discutono

Autore: . Data: venerdì, 19 settembre 2008Commenti (0)

Le reazioni, discussioni, prese di posizione sulla proposta Carfagna e le multe di Alemanno a Roma sono al centro dell’attenzione. InviatoSpeciale ha scavato in singolare forum, quello dei ‘clienti’.

L’ordinananza del sindaco di Roma, Gianni Alemanno, che multa le persone in “abbigliamento indecoroso e indecente”  perchè possono essere “motivo di distrazione per gli utenti della strada e causa di frequenti incidenti stradali”, si collega al Regolamento della Polizia Municipale che “prevede il divieto di atti offensivi alla decenza e alla morale”.

Inoltre vieta a chiunque di “assumere atteggiamenti, modalità comportamentali ovvero indossare abbigliamenti che manifestino inequivocabilmente l’intenzione di adescare o esercitare l’attività di meretricio”.

Le decisione di Alemanno ha scatenato discussioni di ogni tipo. InviatoSpeciale ha cercato un parere ‘anomalo’, quello dei clienti. In un singolare sito Internet i frequentatori assidui si scambiano pareri, opinioni, persino danno giudizi e voti alle capacità professionali delle prostitute.

Nella discussione che hanno deciso di chiamare “Minigonna, tacchi, ombelico in vista = squillo? Pare di si….” le idee dei diretti interessati spaziano per campi infiniti.

‘Petervivapan’ scrive: “Con la nuova ordinanza del comune di Roma atta a multare prostitute stradali e i clienti con multe da 200 a 500 euro e che anticipa la legge CARFAGNA……..Ieri è stata applicata la prima multa ad una ragazza colta in “ATTEGGIAMENTO DISDICEVOLE” lungo la strada …………….No scusate!!!!!! Va bene tutto ma aiutatemi a capire cosa vuol dire nel 2008 atteggiamento disdicevole per una donna………..Allora deduco che se una ragazza rimasta a piedi perchè ha forato una gomma della propria auto e si incammina lungo il bordo della strada magari con indosso una minigonna e l’ombelico fuori, rischia di venire multata per atteggiamento disdicevole, perchè un vigile miope la scambia per una squillo? A mio parere, passi come giusta la lotta allo sfruttamento ed alla schiavitù delle ragazze costrette a prostituirsi per strada…………..Ma così per il resto c’è l’aria di una vera e propria caccia alle streghe………E poi per moralizzare cosa? L’unica strada plausibile è la L-E-G-A-L-I-Z-Z-A-Z-I-O-N-E………………… e togliere dalla strada offerte e fruitori…………Ciao”.

‘Ciauz’, un altro cliente del forum, aggiunge: “Penso che sia il solito provvedimento moralizzatore… per ora valido ovunque, poi solo nelle zone di voti per il Pdl… tanto per ripulire e ottenere i voti delle signore “benpensanti”.Come sempre una normativa probabilmente incostituzionale.Ma chi per 200 euro di multa avvia i 3 + 1 gradi di giudizio? E così sempre l’italia: il B……. si s…… tutto l’universo femminile italiano, mentre noi dobbiamo stare a casa a guardarci la ruota della fortuna. E pure sentirci prendere per il c… da…. che chiede un milione di euro per farsi trombare. Ma se gliene do 100 di euro sono tanti… !”

Informati ed attenti, i clienti segono con attenzione le agenzie di stampa e così ‘Pitbull’ consiglia di leggere alcune news rilanciate dall’Ansa. link link

‘Blackleather’, seguendo le regole della rete, scrive tutto maiuscolo, perchè mostra di essere arrabbiato e urla: “NON C’E’ NESSUNA LEGGE CHE POTRA’ MAI VEDERE COME DIRITTO IL POTER USUFRUIRE DI PRESTAZIONI A PAGAMENTO DA STRADALI…OLTRETUTTO SFRUTTATE…..!!!”.

Assolutamente interessante la firma digitale del suo post: “FORSE è VERO….IO ODIO IL MONDO…..MA INFONDO IL MONDO NON HA FATTO NULLA PERCHE’ IO NON LO ODIASSI!!!

R-N.P.2000:…..PIù CHE UNA RADIO…UNA CERTEZZA (E “QUALCUNO..NON SAPRA’ MAI QUANTO)!!!

..”QUANDO SCENDE LA TRISTEZZA
….INVEDE GLI OCCHI
….COME VORREI….
….SEI VERAMENTE BELLA…”!!!”

‘Buddylove’ è molto severo con presidente del consiglio, al quale lancia irripetibili insulti. ‘Jolly13′ e ‘Pizzacci’ non sono d’accordo e scrivono: “La madre degli imbecilli è sempre incinta”. ‘Buddylove’, documentatissimo e arrabbiato consiglia di guardare un filmato su You Tube.

‘British’, anche per essere fedele al nick che si è scelto, comunica: “I verbali nei quali si contesta la contrattazione di prestazioni sessuali, sono facilmente impugnabili, e le varie ordinanze di Alemanno (Roma), D’Alfonso (pescara) – cito queste due città che conosco maggiormente – e in tutte quelle altre città dove sono stati adottati provvedimenti simili, si risolveranno in una semplice perdita di tempo e carta da parte di polizia, vigili urbani e carabinieri. A parte il fatto che al di là di alcuni casi estremi (prostitute semi-nude) ormai molte stradali sono vestite come tante altre ragazze che possiamo incontrare in discoteca, o semplicemente in giro il sabato sera, utilizzando quindi un look normalissimo, al massimo con qualche scollatura, il punto fondamentale riguarda la mancanza della certezza che si stia contrattando una prestazione sessuale, o si stia semplicemente chiedendo un’informazione. Può sembrare banale come scusa, ma in quelle strade più vicine ai centri cittadini, è più che normale accostare per chiedere un’informazione. In quel caso potranno contestare l’intralcio al traffico, ma vedrete che il 90% dei verbali in cui si contesta l’illecito oggetto delle ordinanze emanate ultimamente , si risolverà in una bolla di sapone. Con buona pace di , cc, ps, vigili urbani, sindaci, mogli cornute, e perbenisti! (preciso che non vado mai con stradali, ma uno sguardo ce lo butto sempre, del resto sono quasi tutte delle gran fighe)”.

‘Sauniere’ non rinuncia al filone aggressivo verso Berlusconi e così cita un estratto dell’ultima intervista al giudice Borsellino.

Allega il pignolo cliente:

“Giornalista
Non le sembra strano che certi personaggi, grossi industriali come Berlusconi, Dell’Utri, siano collegati a uomini d’onore tipo Vittorio Mangano?

Borsellino
All’inizio degli anni Settanta, Cosa Nostra cominciò a diventare un’impresa anch’essa, un’impresa nel senso che attraverso l’inserimento sempre più notevole, che a un certo punto diventò addirittura monopolistico, nel traffico di sostanze stupefacenti, Cosa Nostra cominciò a gestire una massa enorme di capitali, dei quali naturalmente cercò lo sbocco, perché questi capitali in parte venivano esportati o depositati all’estero e allora così si spiega la vicinanza tra elementi di Cosa Nostra e certi finanzieri che si occupavano di questi movimenti di capitali.

Giornalista
Lei mi dice che è normale che Cosa Nostra si interessi a Berlusconi?

Borsellino
E’ normale che chi è titolare di grosse quantità di denaro cerchi gli strumenti per poter impiegare questo denaro, sia dal punto di vista del riciclaggio, sia dal punto di vista di far fruttare questo denaro.

(19 maggio 1992 ultima intervista a Borsellino)”.

‘Obelix’ (come ‘Petervivapan’ prima) non è al corrente che la prostituzione in Italia non è reato e quindi, senza troppe cautele linguistiche comunica ai colleghi di forum: “Il discorso è che nessuno ha mai le palle di mandare a quel paese il vaticano e avere il coraggio di riaprire le case. Invece si interviene con leggi tampone bigotte ed ipocrite che non servono ad un c…. Premesso che certe scene sui marciapiedi sono penose davvero, chi è in grado di dimostrare che togliendole da lì e costringendo i papponi a metterle in casa si contrasta lo sfruttamento?? Per contrastare lo sfruttamento bisogna LEGALIZZARE la prostituzione, punto! E non nascondersi dietro ad un dito!”

Un altro nick fa capolino nell’animata discussione, è ‘xxxchaos’: “So che molti di voi appena vedranno apparire la faccia di TRAVAGLIO, storceranno la bocca…Eppure se avrete la pazienza di ascoltare i primi 10 minuti dell’intervento in cui descrive in modo a mio parere lucido questa nuova “bufala” del disegno di legge CARFAGNA, potrete comunque farvi 4 risate…(Link). Un saluto”.

‘Buddylove’ gli risponde subito: “Perché dovremmo storcere la bocca? E’ uno dei pochi giornalisti che abbiamo in italia”.

Il buon ‘xxxchaos’ replica: “Non seminare zizzania…tra chi ti legge ci sono molti estimatori di tre grandi del giornalismo contemporaneo, uomini che hanno sacrificato tutto pur di riaffermare ogni giorno il valore della verità, EMILIO FEDE, CARLO ROSSELLA, MARIO GIORDANO”.

‘Blackleather’ non si lascia sfuggire l’occasione e propone di aggiungere Feltri. ‘Pizzacci’ taglia corto: “Ma daiiiiii” e  ‘xxxchaos’ specifica: “Non posso accomunare FELTRI agli altri tre colleghi sopra citati…Anche Lui di capriole ne ha fatte tante…, basta pensare che fu uno dei più accaniti insieme alla LEGA NORD nel difendere l’operato dei giudici di Milano durante i primi anni di MANI PULITE, per poi come la LEGA cambiare completamente direzione pochi anni dopo…Ho sempre visto comunque in lui segni evidenti di insofferenza a volte apertamente critica verso la sua area politica di appartenenza e questo lo pone a mio parere in una posizione ben diversa dalle tre macchiette citate sopra…Poi veste e si sa vendere bene…, quasi come me”.

‘Plottino’ non ha dubbi: “Una prostituta di strada si riconosce subito: se ci riescono clienti e passanti, figuriamoci se possono sbagliarsi vigili poliziotti e carabinieri che passano molto più tempo in strada dei normali cittadini. Per quanto riguarda i clienti, si sa che in Italia gli uomini alla guida sono tutti imbranati e si fermano continuamente a chiedere informazioni a chi incontrano per strada E dopo 10 metri si sono scordati di nuovo la strada e devono fermarsi per chiederla ad un’ altra”.

Intervierne ‘buddy_love’ e scrive: “Beh… è innegabile che Berlusconi ha segnato la linea politica degli ultimi 20 anni in italia… dunque anche la pasta scotta in qualche modo è direttamente o indirettamente riconducibile a lui. Io sto più col governo precedente ma non mi ha certo entusiasmato, sopratutto viste le porcherie fatte dell’ex ministro di giustizia…Valutare bene legge per legge e seguire sopratutto gli effetti dei provvedimenti e non gli annunci, distinguere quanto è propaganda e quanto in realtà serve è un buon modo per capire la buontà delle proprie scelte. Ciauz”. 

‘Obelix’ dopo una attenta ponderazione replica: “Certamente valutare le leggi secondo la loro sostanza e non con l’inquadramento derivante dalle proprie inclinazioni politiche è -oltre a qualcosa di fondamentale per un giudizio corretto- qualcosa che andrebbe capito da tutti, e che quando sarà capito da tutti forse impedirà a qualcuno di manovrarci sempre come dei burattini. Invece stiamo sempre quì a renderci ridicoli con sta destra e sinistra, e loro ci inchiappettano davanti e dietro. Questa è una legge che fa cagare, detto papale papale. Tutti i governi le fanno, destra o sinistra. Il punto è che ne fanno proprio poche buone, destra o sinistra che sia. Io penso che Berlusconi, se volesse, avrebbe le capacità di raddrizzare un pò questo paese. Come imprenditore ha avuto capacità eccellenti, non vedo perchè in politica non potrebbe vedere più in là di altri che nella loro vita han combinato poco o meno (vedi Prodi ad esempio ma con tutto rispetto). In gamba è in gamba, certo che anche se a me come persona sta simpatico lo sappiamo che ha i suoi interessi di mezzo, ma questo lo farebbero tutti. ciau”.

La discussione prosegue, ma ormai il protagonista è diventato lui, il presidente del consiglio, e la schermaglia tra sostenitori ed oppositori non si placa più. Anche nel mondo dei ‘clienti’ la divisione del Paese finisce con l’emergere, riuscendo a spegnere persino la radicata abitudine a discutere sulle specifiche capacità professionali delle signorine di strada. Anche questo dovrebbe essere un motivo per riflettere.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008