cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Morto Richard Wright

Autore: . Data: lunedì, 15 settembre 2008Commenti (0)

Si è spenta un’altra leggenda del rock


E’ morto Richard Wright, co-fondatore e tastierista dei Pink Floyd: aveva 65 anni e da qualche tempo era malato di cancro. Il decesso, avvenuto oggi, è stato reso noto dalla famiglia attraverso un portavoce, il quale non ha fornito altri particolari, chiedendo anzi il rispetto della privacy.

Nome completo Richard William ‘Rick’ Wright, era nato a Londra, unico dunque nella formazione originale della band britannica a non essere originario della provincia. Da adolescente frequentò brevemente il ‘London College of Music’, acquisendo un timbro di stampo jazzistico. Lasciò presto, e s’iscrisse ad Architettura dove avrebbe poi incontrato due dei suoi futuri compagni, Roger Waters e Nick Mason, con i quali avrebbe dato vita ai Pink Floyd insieme a Syd Barrett, in seguito sostituito da David Gilmour.

Wright suonò su tutti i dischi in repertorio a eccezione di ‘The Final Cut’ dell’83, quando fu allontanato una seconda volta da Waters: gli era già accaduto nel ’79, durante le registrazioni di ‘The Wall’. Tornò nell’87, per completare ‘A Momentary Lapse of Reason’, e fu riammesso a pieno titolo un anno dopo in occasione di ‘Delicate Sound of Thunder’.

Insieme a Mason partecipò anche a ogni concerto del gruppo, non essendovi stata alcuna promozione dal vivo per ‘The Final Cut’. Oltre al suo apporto con le tastiere Wright compose parecchi brani, da solo o a piu’ mani: da ricordare ‘Sysyphus’, ‘Summer ’68′, ‘The Great Gig in the Sky’, ‘Us and Them’ nonche’, in tempi piu’ recenti, ‘Keep Talking’ e ‘Wearing the Inside Out’. In alcuni casi gli fu affidata la parte vocale principale, in cui sfruttava la sua vena incline al melodico. Due gli album solistici, ‘Wet Dream’ del ’78 e ‘Broken China’ del ’96; diverse le collaborazioni, specie nelle incisioni dei vecchi sodali, cui va aggiunta l’effimera esperienza del gruppo Zee insieme a Dave Harris, con cui nell’84 pubblico’ ‘Identity’.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008