cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Alla ricerca dei sapori perduti

Autore: . Data: martedì, 30 settembre 2008Commenti (0)

Una tavola rotonda nella cornice di Cecina per riscoprire il mondo contadino di un tempo lontano

A dare il via ai lavori di Betaconvegni nell’ambito della Borsa europea del Turismo che ha avuto luogo a Cecina, nella splendida cornice di Villa Guerrazzi, è stata una tavola rotonda organizzata dalla Beta in collaborazione con il Consorzio Terre di Piemonte e il Comune di Castelnuovo Bormida, dal titolo ”Il turismo gastronomico riscopre la cucina tradizionale contadina”.

Un angolo di Toscana e l’Alto Monferrato, terra di frontiera fra Piemonte e Liguria, si sono, così, confrontati sugli antichi sapori locali.
Parlare di cucina è stato un pretesto per raccontare il mondo contadino di un tempo lontano in cui i confini del pianeta erano segnati e ogni paese viveva isolato nella sua realtà. La natura del suolo, la posizione geografica e le condizioni climatiche condizionavano l’alimentazione legata alla produzione locale e determinavano le tradizioni alimentari di un popolo. La cucina era povera ma sana ed era espressione della semplicità di costumi di quella civiltà ormai remota.

Poi, a partire dalla seconda metà del secolo scorso per una serie di ragioni legate all’abbandono delle campagne, all’urbanesimo, all’americanizzazione del gusto (chi non ricorda il Sordi del film “Un americano a Roma”) e, in generale, all’evoluzione del mondo occidentale, si è perso il senso della tradizione anche a tavola e si è arrivati a toccare il fondo, con la proliferazione dei fast food che hanno guastato lo stomaco e il gusto a generazioni di giovani.

Oggi, e non solo in Italia, si sta facendo strada la riscoperta di una cucina autentica, che rispetti i cicli produttivi, tant’è vero che a livello europeo è stata istituita una Giornata Europea del mangiar sano, con l’intento di rieducare il palato dei più giovani.
Nell’Alto Monferrato, in questo senso, Castelnuovo Bormida è all’avanguardia.

Il sindaco Cunietti, infatti, è l’ideatore di un Centro di educazione alimentare che ha lo scopo di tutelare la genuinità dei prodotti locali e di avviare una collaborazione fra i paesi al fine di ridar vita alle tradizioni alimentari che connotano le nostre terre.

In questo contesto il libro “Pan e nus mangé da spus” (scritto da Elisabetta Farinetti e presentato a Cecina) trova una ragion d’essere, diventando uno strumento per riscoprire non solo un periodo storico, ma anche sapori e piaceri dimenticati.

Al termine dell’incontro i ragazzi della Pro Loco di San Quirico (piccola frazione di un paese dell’Alto Monferrato) hanno offerto assaggi di antipasti di verdura, mostarda d’uva con formaggetta di Roccaverano, grissini piemontesi e vino Brachetto d’Acqui che hanno  suscitato tra i visitatori un apprezzamento entusiastico che li ha colmati d’orgoglio.
L’incontro di Cecina è stato un primo passo per allargare le esperienze individuali e collaborare fra paesi al fine di ritrovare un’identità e una storia.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008