cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Non c’è lavoro

Autore: . Data: mercoledì, 2 luglio 2008Commenti (0)

Le donne anche discriminate. Il tasso di occupazione in Italia è tra i più bassi dei Paesi aderenti all’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse). In particolare per le donne che, oltre tutto, sono anche meno pagate degli uomini (meno 18 per cento). Il futuro presenta ulteriori segnali di peggioramento e l’Organizzazione prevede che la crescita dell’occupazione “rallenterà ulteriormente nei prossimi due anni”.

Leggendo l’outlook 2008 si scopre che nel nostro Paese meno del 58 per cento della popolazione ha un lavoro, contro più del 70 per cento degli altri. Il rapporto specifica che “l’occupazione è cresciuta di un solo punto percentuale nel 2007, mezzo punto percentuale in meno dell’area Ocse e meno della media degli ultimi dieci anni”.

In Italia solo il 46 per cento della popolazione femminile ha un lavoro, peggio di noi solo Messico e Turchia. A rendere le cose ancora più difficili anche un altro elemento: oltre a guadagnare e lavorare meno, le donne hanno anche una minore probabilità di trovare un impiego buono e ben remunerato. Nel 2005, il 15 per cento delle italiane occupate tra i 25 e i 54 anni aveva un contratto a durata determinata, contro solo il 9 per cento della loro controparte maschile. Inoltre, in questa fascia d’età le italiane con un impiego a tempo pieno guadagnano in media il 18 per cento meno degli uomini per ora lavorativa (il 22 per cento in meno nel caso delle donne con un diploma universitario). L’analisi statistica contenuta nel rapporto Ocse ”suggerisce che persistenti pratiche discriminatorie nel mercato del lavoro sono un fattore chiave alla base di queste disparità”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008