cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » in evidenza, politica, report
Regola la dimensione del carattere: A A

Spending review, “dopo pensioni e Articolo 18, ora tocca al Pubblico”

Autore: . Data: venerdì, 6 luglio 2012Commenti (1)

Intervento di Nicola Nicolosi, segretario confederale Cgil e responsabile nazionale per il pubblico impiego, a proposito della ‘spending review’ varata dal governo Monti.

Caro direttore,
leggo con attenzione i vostri servizi giornalistici sulla ‘spending review’ e chiedo ospitalità per argomentare in merito ad una controriforma che giudico grave e pericolosissima.

Le politiche del governo Monti si ispirano ad una cultura neoliberista, una filosofia che individua il nemico in tutto ciò che è pubblico. Questa strategia di azione accomuna l’attuale presidente del Consiglio al suo predecessore, Silvio Berlusconi. Più in generale, lo accomuna a tutti i governi del centrodestra europeo. Al fallimento delle politiche di mercato il governo non sceglie di rispondere con interventi keynesiani in modo da far crescere la domanda, ma sceglie piuttosto l’attacco ‘alzo zero’ alla pubblica amministrazione, nel tentativo di smantellare progressivamente tutto ciò che è pubblico.

La regola alla base delle politiche del governo Monti è restringere il perimetro dell’intervento pubblico e far crescere il privato. Sono politiche depressive che non aiutano la crescita e lo sviluppo. Rischiano di penalizzare l’economia produttiva senza che vengano messi in campo interventi per ridurre l’egemonia del settore finanziario. L’Italia e l’Europa avrebbero bisogno di ben altro.

Le organizzazioni sindacali – tutte quante – hanno firmato il 3 maggio scorso un accordo con il governo sulla riforma della pubblica amministrazione. Quell’intesa, siglata dal ministro della Funzione pubblica e dai sindacati, è stata buttata nel cestino della carta straccia. L’accordo avrebbe dovuto tradursi in una legge delega. Non ce n’è traccia.

Invece sono arrivati i tagli della ‘spending review’, per giunta presentati con una semplice informativa, senza alcuna discussione con le parti sociali. La domanda è d’obbligo: può essere ritenuto affidabile un governo che straccia accordi sottoscritti appena due mesi fa?

Nel dettaglio, la sospensione dei concorsi per il pubblico impiego fino al 2016 crea le condizioni per il lavoro a chiamata, accresce il potere del politico di turno, senza rispettare l’articolo 97 della Carta costituzionale, che recita testualmente “si può accedere alla pubblica amministrazione solamente per concorso”. La riduzione del 10% dei lavoratori delle amministrazioni pubbliche porterà ad un’inevitabile diminuzione dei servizi offerti ai cittadini.

E tutto questo accade partendo da un assunto che non corrisponde al vero, perché la spesa italiana per la pubblica amministrazione è inferiore a quella dei principali Paesi europei.

Dire che gli italiani spendono di più della media Ue è una bugia, una bufala spacciata per giustificare un autentico colpo di scure.

Infine il governo ha proposto di sospendere fino al 2013 – ma solo nella pubblica amministrazione – gli effetti della legge Fornero, offrendo di fatto la possibilità di andare in pensione con il sistema precedente a quello attuale. Ma questo creerà una disparità di trattamento fra lavoratori pubblici e privati che non può in alcun modo trovare d’accordo il sindacato: un ulteriore elemento di divisione fra pubblico e privato, quando invece le leggi dovrebbero valere per tutti.

Il nostro giudizio sull’azione del governo è totalmente negativo. Che fare allora? L’unica risposta possibile è l’apertura di una fase di lotta nella pubblica amministrazione, portando avanti un’azione contro il governo che nel giro di pochi mesi ha colpito le pensioni, il mercato del lavoro, l’articolo 18, tutta la pubblica amministrazione.

Dobbiamo costruire le condizioni per una mobilitazione generale, perché questo governo cambi linea politica, cambi linea economica e attivi politiche di intervento pubblico. Va cambiato il paradigma di riferimento per dare risposte a una realtà fatta di disoccupazione sempre crescente, in particolare per i giovani e le donne, che colpisce i pensionati.

Le iniziative di lotta che verranno messe in campo dovranno avere la capacità di unire le mobilitazioni dei lavoratori, pubblici e privati. Il mondo del lavoro deve restare unito, va respinto ogni tentativo di dividere, per creare le condizioni per arrivare alla sciopero generale.

Nicola Nicolosi
Segretario confederale Cgil, Responsabile nazionale pubblico impiego

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (1) »

  • Annamaria Rossi Bufo ha detto:

    Sono d’accordo sulle iniziative di lotta per contrastare le leggi varate da questo governo. Non solo la riforma pensioni, il ddl lavoro e, ora, la spending review, ma anche la costituzionalizzazione del pareggio di bilancio, i cui sciagurati effetti sperimenteremo negli anni a venire. Occorrerà però, in parallelo, alimentare una rete di informazioni che riesca a coinvolgere tutti i cittadini, non solo i dipendenti pubblici, per far capire loro che il lavoro pubblico è un valore e un beneficio per tutti, in quanto siamo tutti fruitori di servizi che dovrebbero essere di alta qualità. I mezzi finanziari a disposizione devono essere indirizzati ai servizi pubblici e ospedali e scuola, ad esempio ma non solo loro, non possono essere penalizzati sull’altare di un nefasto rigore economico.

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008