cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

“Il governo Monti rottama anziani e disabili”

Autore: . Data: martedì, 31 luglio 2012Commenti (0)

L’accusa è stata lanciata da Emilio Mortilla, presidente di Ageing Society-Osservatorio Terza età, nei confronti del decreto spending review e del giro di vite sui farmaci cosiddetti ’griffati’.

Ha dichiarato Mortilla: “Dopo le pensioni, l’Imu, l’aumento delle tariffe per beni e servizi, la riduzione dei posti letto senza aver adeguato ai crescenti bisogni di salute, ora il governo ha deciso di aggredire il problema dei costi legati all’invecchiamento della popolazione alla radice. La prescrizione obbligatoria del solo nome del principio attivo da parte del medico di famiglia al posto del nome del ’griffato’ si traduce, infatti, in un aumento dei rischi per la salute degli anziani affetti da pluripatologie croniche”.

“In uno studio di alcuni anni fa – ha spiegato Mortilla – da noi condotto intervistando gli ’over 65’ che assumevano piu’ farmaci durante il giorno, era emerso che i principali elementi di riconoscimento per indirizzarli alla loro corretta assunzione erano, nell’ordine, il nome commerciale, colore e dimensioni della scatola e colori, tipologia e dimensioni dei contenuti della medesima. Ogni variazione indotta a questi essenziali punti di riferimento determinava insicurezza, ansia, non corretta assunzione dei farmaci o addirittura la loro volontaria sospensione”.

Il presidente dell’Osservatorio ha aggiunto: “Con la nuova norma il farmacista può dare ogni volta un generico uguale per composizione, ma diverso per confezione e colori creando ancora maggiore confusione e disagio al paziente e impedendo al sanitario prescrittore di capire, in caso di effetti collaterali e intolleranze, quale generico è stato assunto”.

Certo la discussione sui farmaci è complicata, ma resta il fatto concreto che un medicinale equivalente costa molto meno al servizio sanitario nazionale, ovvero a tutti i cittadini che pagano le tasse.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008