cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Fornero sulla Fiat: parole in libertà

Autore: . Data: venerdì, 13 luglio 2012Commenti (0)

Il ministro del Lavoro appare sempre più inadeguato al suo incarico. Adesso auspica che Marchionne resti in Italia grazie al ‘buon comportamento’ dei cittadini.

Elsa Fornero, a margine di un convegno di Confcommercio, ha detto che per evitare la chiusura della Fiat in Italia non sarà lei a convincere Marchionne, ma “io credo che lo convincerà il Paese dimostrando di essere migliore di come era in passato”.

Decenni di politiche industriali sbagliate da parte dell’azienda torinese, decine di milioni di lire dei contribuenti spesi per la Fiat, la completa incapacità dei governi nel pianificare lo sviluppo dell’economia nazionale, corruzione e nepotismo sarebbero, per Fornero, responsabilità dei cittadini.

L’amministratore delegato, che ha imposto limitazioni dei diritti dei lavoratori in cambio di investimenti che al momento nessuno ha ancora visto, secondo il ministro avrebbe bisogno del ‘buon esempio’ del Paese per non smontare la principale azienda nazionale e trasferirla negli Usa.

Non sono necessari commenti.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008