cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Teatri in crisi, ieri l’occupazione del ‘Valle’ a Roma

Autore: . Data: mercoledì, 15 giugno 2011Commenti (0)

Ieri un centinaio di artisti e lavoratori dello spettacolo ha occupato il teatro Valle di Roma, riaprendo la sala che la liquidazione dell’Eti (Ente teatrale italiano) ha serrato in attesa della privatizzazione. Gli occupanti hanno intenzione di rimanere in platea per almeno tre giorni, organizzando anche spettacoli ed eventi per il pubblico, “per chiedere trasparenza e chiarezza sul destino di uno dei Teatri più importanti d’Italia attraverso la creazione di una commissione competente”.

Gli occupanti hanno anche lanciato un appello, sottoscritto da moltissimi personaggi della cultura e dello spettacolo, da Franca Valeri ad Andrea Camilleri, da Toni Servillo a Fabrizio Gifuni, Elio Germano, Emma Dante, Anna Bonaiuto, Claudio Santamaria, Ascanio Celestini, Sabina Guzzanti, Maya Sansa e tanti altri.

Nell’appello gli occupanti hanno sostenuto di voler “difendere il patrimonio artistico del Paese. Le politiche governative stanno dismettendo una funzione essenziale che la Costituzione italiana assegna allo Stato: la promozione e la tutela dei Beni culturali”.

In quanto lavoratori dello spettacolo, della cultura e dell’arte vogliono inoltre “essere riconosciuti come interlocutori indispensabili nelle scelte politiche che riguardano il nostro settore, il nostro lavoro, la nostra vita”.

La loro mobilitazione di oggi sorge dall’esigenza che “il Teatro Valle venga realmente destinato all’innovazione artistica con un respiro nazionale e internazionale secondo la sua naturale vocazione, attraverso un progetto di assegnazione pubblico, trasparente e partecipato” e per rivendicare che il settore dello spettacolo è vivo e “produce eccellenze e risorse economiche”.

Sul versante delle iniziative, ieri pomeriggio si è svolta l’assemblea “Cronaca di una morte annunciata: dal Valle a Cinecittà, la gestione dei beni e delle risorse culturali in Italia”. Alla sera si sono invece succeduti sul palcoscenico vari artisti. Stasera, invece, dopo l’ouverture di Elio Germano e Camilleri, Elio Germano in coppia con Theo Teardo eseguirà un recital tratto da ‘Viaggio al termine della notte’. Per domani  sono attese Franca Valeri, Giovanna Marini e Sabina Guzzanti.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008