cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Dramma-carceri: i numeri della mancata rieducazione

Autore: . Data: martedì, 12 aprile 2011Commenti (0)

Gli stranieri detenuti sono 24.829 e 1.301 stanno “dentro” solo per non avere eseguito l’ordine di espulsione. Sono un terzo della popolazione carceraria (67.615); un altro terzo (26.277) è rappresentato dai tossicodipendenti. “Gli uni e gli altri, insieme agli “psichiatrici” e agli autori di “reati di strada”, costituiscono la clientela abituale delle patrie galere: entrano ed escono senza che il carcere abbia per loro alcun senso, né rieducativo né di reinserimento sociale”. Così un report dell’associazione ‘Fuoriluogo’.

Le leggi sulla droga e sugli immigrati, si legge ancora, “complice la stretta sui recidivi e sulle aggravanti varata con la ex Cirielli e con i pacchetti-sicurezza, ha aperto le porte della galera a tanti che non dovrebbero starci”.

Molti anche gli imputati, 28.220, di cui oltre la metà in attesa della prima sentenza. “I tempi lunghi del processo – sostiene ‘Fuoriluogo’ – hanno trasformato la custodia cautelare in una pena anticipata. Le misure alternative (destinate non a ‘sfollare’ ma a ‘reinserire’) sono precipitate dopo la stretta della legge ‘ex Cirielli’: nel 2003 in misura alternativa c’erano 48.195 detenuti, 50.228 nel 2004 e 49.943 nel 2005; oggi ce ne sono appena 16.018″.

Da gennaio 2010, denuncia ancora l’associazione, il sovraffollamento delle carceri è diventato “emergenza nazionale”, tanto è vero che sei mesi prima “la Corte di Strasburgo aveva condannato l’Italia per trattamenti inumani e degradanti”.

Dall’inizio della legislatura, la politica della carcerizzazione ha portato “dentro” 10mila persone (nel 2008 i detenuti erano 58.127). La legge ‘svuota carceri’, approvata nel 2010, “si è rivelata un flop – denuncia ‘Fuoriluogo’ – perché ha fatto uscire (in detenzione domiciliare) solo 1.788 detenuti. Di riforma delle misure alternative non si parla più. Si attende il miracolo del ‘piano carceri’, che finora ha prodotto 1.265 nuovi posti, ma i detenuti sono aumentati del doppio (2.533)”.

Il sistema, insomma, “gira a vuoto e costa: 29 miliardi di euro nell’ultimo decennio”. Mentre  la manutenzione delle carceri e l’attività di rieducazione “hanno avuto il 31% in meno dei fondi”. Malgrado la leggera flessione degli ingressi, il sovraffollamento resta una piaga – condizioni invivibili, record di suicidi, scioperi dei poliziotti, proteste dei carcerati – e blocca ogni tentativo di risocializzazione dei detenuti: “Anzi – è l’opinione dell’associazione – il carcere, così com’è, produce il 70% dei recidivi: un fallimento per la giustizia penale, un boomerang per la sicurezza collettiva”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008