cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Sgomberi dei romanì: un’iniziativa nella Capitale

Autore: . Data: martedì, 15 febbraio 2011Commenti (0)

Nove giorni dopo la tragedia dei quattro bambini rom morti nel campo di via Appia si tiene oggi pomeriggio a Roma, presso l’auditorium dell’Unicef di via Palestro, l’iniziativa “Report Casilino 900. Parole e immagini di una diaspora senza diritti”.

E’ passato, infatti, un anno dallo sgombero dell’ex campo romanì più grande d’Europa, il Casilino 900: quei giorni di febbraio le ruspe del Comune abbatterono centinaia di baracche. Sindaco e prefetto promisero ai quasi 700 abitanti del campo case, lavoro, integrazione e scolarizzazione dei bambini. Nessuna di queste cose è stata realizzata e anzi i romanì vivono in una condizione di pesante degrado anche nei cosiddetti campi attrezzati.

L’iniziativa avrà inizio alle 16 e “ rappresenta – dichiara l’associazione 21 luglio – un doveroso omaggio a un luogo abitato da famiglie di etnia rom sin dagli anni Cinquanta, ma anche e soprattutto alle 618 persone (tra cui 273 minori) ‘costrette’, un anno fa, ad andar via dal campo a fronte di promesse, mai ad oggi mantenute, circa condizioni abitative migliori e concrete possibilità di inserimento lavorativo e di integrazione sociale. Il Report dà infatti voce a quei rom che, dopo essere stati trasferiti dall’Amministrazione comunale in quattro villaggi attrezzati e in un centro di accoglienza, si sentono ‘umiliati’ e ‘abbandonati’ al punto da rimpiangere il loro vecchio campo dove, a detta delle autorità, vivevano in condizioni di ‘degrado’ e di ‘vergogna’ inconcepibili”.

Il dossier, che verrà presentato dal presidente dell’Associazione 21 luglio Carlo Stasolla, è costituito da una ricerca storica su Casilino 900 dalle origini allo sgombero finale, da un’analisi dei cinque luoghi della diaspora con le testimonianze dirette dei rom e da un’ampia sezione fotografica contenente gli scatti della fotografa Alessandra Quadri, che saranno peraltro esposti durante la giornata.

Un importante contributo all’iniziativa verrà da Giusy D’Alconzo, Coordinatrice Campagne e Ricerca sui Diritti Umani in Italia di Amnesty International. Da marzo 2010 la più importante organizzazione mondiale porta avanti una campagna per chiedere una profonda revisione del Piano Nomadi, considerati i rischi che esso comporta per i diritti umani dei rom.

Nel corso della presentazione è inoltre previsto l’intervento di Mons. Giancarlo Perego, Direttore generale della Fondazione Migrantes della Cei. Modera l’evento Nello Avellani di Radio Popolare Roma.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008