cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Ecuador, la Chevron condannata per danni ambientali

Autore: . Data: giovedì, 17 febbraio 2011Commenti (0)

La sentenza emessa da una corte dell’Ecuador, che ha condannato la Chevron al pagamento complessivo di oltre 9 miliardi di dollari per danni ecologici, è destinata a fare scuola. Almeno nelle intenzioni degli ambientalisti.

La multinazionale del petrolio è accusata di aver deturpato per decenni una parte della foresta amazzonica ecuadoriana con pesantissime conseguenze nei confronti dell’ambiente e della salute della popolazione locale. La causa – iniziata nel 1993 – era stata intentata dalle comunità indigene contro la società petrolifera Texaco (poi assorbita dalla Chevron nel 2001), ma i fatti risalgono anche al precedente trentennio.

L’accusa aveva richiesto addirittura 27 miliardi di dollari, dopo aver depositato un corposo dossier sull’inquinamento delle acque e sull’aumento dei casi di tumore tra la popolazione.

Seppur in misura parziale e molti anni dopo, le ragioni dell’accusa sono stare riconosciute dal giudice che ha emesso la sentenza, Nicolas Zambrano: 8,6 miliardi di dollari l’ammontare del risarcimento per i danni provocati più un miliardo di dollari che la Chevron dovrà pagare alla ‘Amazon defense coalition’, l’associazione che raggruppa i promotori della querela.

Chevron farà ricorso, ritenendo la sentenza “illegittima e inapplicabile”. Comprensibilmente soddisfatta, invece, l’accusa: “E’ la prima volta che un popolo indigeno fa causa a una multinazionale nel Paese in cui i crimini sono stati commessi e ottiene giustizia”, ma al contempo l’avvocato sceso in campo in difesa delle popolazioni indigene, Pablo Fajardo, afferma che i danni provocati dalla società petrolifera sono ben maggiori: «Abbiamo intenzione di presentare ricorso perché riteniamo che il risarcimento non sia sufficiente. Secondo un rapporto recentemente presentato in tribunale i danni potrebbero ammontare a 113 miliardi di dollari”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008