cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » in evidenza, vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Gianna Nannini, battesimo rock per la figlia

Autore: . Data: martedì, 11 gennaio 2011Commenti (3)

A poco più di un mese di vita, Penelope, la figlia di Gianna Nannini, è già una celebre “poppante”. La gravidanza della cantante toscana era stata annunciata in pompa magna dal settimanale ‘Chi’, che aveva “pizzicato” l’artista a Londra, dove stava registrando il suo ultimo album, mentre comperava abiti premaman.

La notizia era velocemente passata di bocca in bocca sino a diventare una sorta di “caso nazionale”. Da una parte molti sostenevano che mettere al mondo un figlio a 54 anni non sarebbe cosa saggia. Dall’altra, invece, molti credevano di dover difendere la libertà di scelta di una donna. Di fatto, comunque, a pochi è venuto in mente che un fatto intimo sia stato trasformato in una colossale operazione promozionale.

Lo scorso novembre, dopo mesi di silenzio, Gianna Nannini è uscita allo scoperto e si è fatta ritrarre sulla copertina del periodico ‘Vanity Fair’ con il pancione e una t-shirt che recitava “Dio è donna”.

A tutti i suoi fans aveva scritto una lettera aperta: “Io non capisco – scriveva – come sia possibile che per guidare la macchina, o la barca, o anche il motorino, serva un attestato di idoneità, e per essere genitori no. Si va forse incontro a minori responsabilità? Io la patente l’ho presa, perché negli anni ho imparato a vivere e ad amare. E ho imparato che prima di metterli al mondo, i figli, bisognerebbe fare un esame che tenga in considerazione il rispetto della vita altrui e della libertà. La libertà dei bambini, quella che ci viene tolta, giorno dopo giorno, man mano che ci troviamo costretti a crescere. Perché chi crede che essere genitore sia un diritto, e non un dovere, finisce per indottrinare i propri figli anziché educarli”.

La cantante aveva poi proseguito: “Eccomi, sono un caso. All’improvviso tutti si sono dimenticati della libertà, e del diritto che ha ciascuno di noi di fare quello che vuole, quando vuole e con chi vuole… Ho sentito tanta gente che ha vissuto questa notizia, assieme a me, con esultanza e brivido. Li ho sentiti vicini, mi hanno dato la forza necessaria per non rispondere… E li ringrazio di gran cuore, perché mi hanno permesso di non perdere mai di vista la cosa più importante: la mia bambina. Così come non ringrazio affatto chi mi ha dato contro… Chi, invece che cercare di capire, ha preferito giudicare, puntare il dito e criticare. Perché le dita puntate addosso le ho da una vita, e forse qualche errore l’ho commesso. Ma se c’è una cosa che so, Penelope, è che tu sei tutto, però non sei un errore”.

La Nannini ha parlato della “patente per fare un figlio”, lasciando intendere che lei sarà una madre attenta e meticolosa. Poi, però, pochi giorni fa, ha deciso di rilasciare una curiosa intervista al settimanale ‘Sorrisi e Canzoni’, nella quale ha dichiarato: “Penelope avrà un battesimo rock. Sarà una sorpresa. Vorrei che avvenisse all’apertura del tour, a Milano il 29 aprile. Non sarà un battesimo religioso, avrà tempo lei poi di scegliere se e come battezzarsi. Voglio invitare un mucchio di gente”.

Insomma, la furba cantante ha pensato bene di lanciare una colossale campagna promozionale sul suo prossimo tour, mettendo sul piatto non una canzone, ma nientemeno che una bambina che il 29 aprile avrà solo cinque mesi, consegnandola in pasto a decine di migliaia di fans.

E se è vero che la piccola Penelope avrà tempo per scegliersi con che rito religioso battezzarsi, non è forse vero anche che di diventare un’icona rock e contribuire a far vendere milioni di dischi alla celebre madre non dovrebbe importargliene un fico secco?

Davide Falcioni

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (3) »

  • costanza ha detto:

    Al sig falcioni…….dico che non ha capito nulla………..ma va bene cosi’….che aspettarsi del resto…….

  • Linda ha detto:

    Finalmente qualcuno che dice la verità e le cose per come stanno veramente…!!!! Bravo Falcioni ce ne vorrebbero di più di persone come te. Possibile che la gente sia sempre pronta a farsi infinocchiare, senza darsi la possibilità di ragionare da sola? Non dimenticate che la Nannini ha scritto una canzone (Bello e impossibile) dove osanna Gheddafi. Complimenti Gianna!!! E comunque ha rotto le palle a tutti con la figlia! Ci sono miliardi di mamme al mondo ma non hanno mai rotto le palle e nessuno, e questa non è strumentalizzazione? Non se ne può più!
    Vi faccio una domanda:, se vostra madre all’età di 54 anni decidesse di mettere al mondo un figlio, voi cone ne direste?

  • fabio ha detto:

    Solo per rispondere alla domanda di LInda.
    Se mia madre decidesse di avere un figlio avendo 54 anni e io mi permettessi di dirle qualcosa sarei un bell’egoista, eredità e affetto non sono un diritto indivisibile fra i figli e così dimostrerei di volere tutto per me.
    Nel caso della nannini, non ha altri figli e nessuno deve dividere niente.
    Lei ha i soldi e a qualcuno li vorrà giustamente lasciare non avesse soldi….

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008