cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Carceri: per la Uil siamo sulla border line della catastrofe

Autore: . Data: mercoledì, 23 giugno 2010Commenti (0)

Il governo continua a non far nulla, l’opposizione pure e la situazione si fa più grave di giorno in giorno.

Ha scritto il sindacato degli agenti penitenziari: “Escludendo qualsiasi intento demagogico o retorico, non possiamo non affermare che la situazione del sistema penitenziario italiano è, quantomeno, sulla border line della catastrofe. A confortare questa nostra tetra e triste visione d’insieme giungono in soccorso i numeri, non smentibili nella loro cruda e dura realtà. Dal 1 gennaio 2010 ad oggi sono 32 i detenuti suicidatisi in carcere;  51 i suicidi sventati in extremis dal personale i polizia penitenziaria sono; ben 109  gli agenti della penitenziaria che hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari, con prognosi superiore ai cinque giorni, per aggressioni da parte dei detenuti; 6 i detenuti evasi; 7 le tentate evasioni sventate. Senza dimenticare che gli atti autolesionistici sono parte integrante della quotidianità penitenziaria e che le proteste ( e qualche rivolta) dei detenuti hanno toccato tutte le regioni italiane. Infine pare utile sottolineare come i 67.615 detenuti ristretti alle 17 di ieri determinano un superamento delle soglie massime di ricettività nel 100 per cento delle carceri, che potrebbero ospitare al massimo 43800 detenuti”.

Per il segretario generale della Uil Penitenziari, Eugenio Sarno, “nonostante l’esplicito appello del presidente Napolitano e l’impietosa analisi dell’esimio presidente Ciampi i nostri politici sembrano avulsi da una realtà, quella penitenziaria, che si connota per inciviltà, illegalità e degrado. L’invocata svolta bipartisan è naufragata sugli scogli dell’insensibilità e dell’opportunità politica. Se da un lato il governo e la maggioranza parlamentare paiono incapaci di delineare un quadro di soluzioni, dall’altro tutti i partiti dell’opposizione e quasi tutti i politici della minoranza sembrano non avere interesse reale verso il dramma umanitario e sanitario che si consuma all’interno di quelle discariche sociali che sono le nostre prigioni. La  Dozza a Bologna, San Vittore a Milano, Marassi a Genova, Ucciardone a Palermo, Buoncammino a Cagliari, Poggioreale a Napoli e il carcere di Borgo San Nicola a Lecce sono le punte dell’iceberg dell’inefficienza e del fallimento”.

Il sindacato teme quanto potrà accadere in questa estate che si annuncia caldissima e spiega: “Sentiamo tutta la responsabilità del nostro ruolo e non cediamo alla tentazione del facile allarmismo. Non vogliamo, però, nemmeno essere complici di quel silenzio che alimenta l’ipocrisia. E’ del tutto evidente che se non si interviene (ma siamo forse già fuori tempo massimo)  per deflazionare le presenze, questa estate sarà rovente e non solo dal punto di vista meteorologico. E vogliamo consegnare a futura memoria l’impossibilità per il Corpo di polizia penitenziaria a gestire e contenere la molto probabile deriva violenta delle proteste. Non certo per incapacità o scarsa  professionalità, quanto per manifesta impossibilità. D’altro canto i recenti fatti di cronaca accaduti all’interno di alcuni penitenziari acclarano questa preoccupazione. Le risse sedate a fatica (con il carico di feriti) , le sommosse sedate a stento e con stenti, la mancanza di risorse, umane, economiche e logistiche potrebbero determinare l’alzata della bandiera bianca  dello Stato all’interno delle nostre galere. Non è certo una bella prospettiva, ma è il quadro realistico del futuro penitenziario”.

Sarno è pessimista anche sul fronte del personale “a meno che i politici non sostituiscano una loquacità improduttiva ad  un dinamismo risolutore – ha detto il segretario – e i vertici dipartimentali si sveglino da quel torpore molto prossimo ad un letargo”.

Tuttavia il sindacalista dubita “che al Dipartimento per l’amministrazione penitenziaria abbiano forza e  spessore per scardinare un sistema di privilegi e raccomandazioni. Così come non possiamo attendere in eterno che gli annunci e le promesse di Alfano divengano realtà. Siamo stufi di aspettare la Terra Promessa”.

Un’altra foto di un’Italia totalmente oscurata da telegiornali e media.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008