cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Berlusconi e il ponte sullo Stretto

Autore: . Data: giovedì, 24 giugno 2010Commenti (1)

Il premier si ricorda del desaparecido ed indirettamente conferma lo stallo dei lavori

C’è stato un tempo nel quale ogni giorno si parlava del ponte sullo Stretto come di una cosa praticamente già fatta. Nel migliore stile propagandistico del centro destra.

Ieri il Cavaliere è tornato sull’argomento affermando che “sarà opera epocale e si farà”, ma anche che “il timing dell’opera dovrà tenere conto delle disponibilità pubbliche, che a loro volta sono condizionate dalla crisi economica mondiale”.

Peccato che anche per questa ennesima operazione pubblicitaria si era anche preannunciata la consegna del ponte per il 2016.

Berlusconi ha sostenuto che i lavori sono iniziati nel dicembre scorso, anche se il completamento dell’opera “non può compiersi con uno schiocchiare di dita”.

In attesa di capire come si risolverà la faccenda, forse destinata a restare uno degli innumerevoli costosissimi pasticci della storia dei lavori pubblici italiani, il presidente dei Verdi, Angelo Bonelli, ha detto: “Berlusconi ha perso un’occasione buona per tacere. Mentre gli italiani devono affrontare una crisi che il governo ha deciso di far pagare alle fasce più deboli, tagliando stipendi, sanità e servizi, il presidente del Consiglio continua a parlare del ponte sullo Stretto, opera inutile il cui costo è stato recentemente stimato in 8 miliardi di euro (circa un terzo della manovra economica) dalla Corte dei Conti”.

L’esponente dei Verdi ha aggiunto che “si potrebbero fare tantissime cose utili al Paese. Ma Berlusconi che sembra refrattario alla sofferenza e alle difficoltà dei cittadini pensa solo alle sue opere faraoniche ed inutili, buone solo per la sua autocelebrazione. È uno sfregio ai cittadini del sud, dove, ancora oggi, mancano, acqua potabile, ferrovie e servizi essenziali”.

Per Bonelli il premier dovrebbe lasciar perdere “la storiella dei delfini e degli uccelli che tira fuori ogni volta. Il Ponte, che non ha alcuna utilità, sarebbe solo un enorme regalo per le lobby del cemento e degli affari pagato con i soldi dei cittadini italiani che hanno bisogno di ben altro”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (1) »

  • paolo ha detto:

    Sono veramente avvilito nel costatare che , cavalcando il più meschino egoismo , si vuole denigrare a tutti icosti un’opera meravigliosa come questa – A parte i soliti intoppi e le difficoltà economiche, a cose fatte, si spera, il ponte darebbe grande lustro a tutta Italia

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008