cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Oltre il peggio: ‘La pupa e il Secchione’

Autore: . Data: martedì, 20 aprile 2010Commenti (11)

Domenica sera le immagini inqualificabili del programma ”La Pupa e il Secchione” hanno ripreso a vagare per l’etere nazionale.

Il programma condotto da Paola Barale ed Enrico Papi è riuscito a polverizzare le più fantasiose ipotesi sui livelli che può raggiungere il trash in tv.

Eppure la trasmissione ha raggiunto uno share del 16.50 per cento, con 2.736.000 telespettatori totali.

Descrivere il programma è facile. Un gruppo di ragazze, molto giovani, quasi per nulla vestite, sono chiamate a convivere per alcune settimane con altrettanti giovanotti nella stessa casa.

I concorrenti, associati in coppie rigorosamente eterosessuali, durante il soggiorno forzato dormiranno nella stessa camera da letto.

Le ‘pupe’ sono ovviamente delle rappresentanti ‘imbecilli’ del genere femminile, quasi incapaci di intendere e volere, ma seduttive e soprattutto scosciate.

I ‘secchioni’, sono invece rappresentanti ‘ intelligenti’ del genere maschile, per cui ‘imbranati’, sostanzialmente asociali e per nulla in grado di intrattenere alcuna relazione ‘ragionevole’ con una donna.

Lo show, attraverso giochi nei quali si ridicolizzano i partecipanti, tra sederi al vento (donne) e volti brufolosi (uomini) intenderebbe rallegrare il pubblico a casa.

C’è anche una giuria, della quale fanno parte Vittorio Sgarbi, presidente, Alba Parietti, Angela Sozio, Platinette e Claudio Sabelli Fioretti. Che si deve fare per campare!

Le prove si chiamano “zucca quiz” o “prova hot”, la seconda performance nella quale il presentatore, nei panni del Dr House, ‘eccita’ i ‘secchioni’, nella parte dei malati, e le ‘pupe’, nel ruolo di infermiere con la biancheria intima in primo piano.

Negli archetipi dei ruoli, i ragazzi si intendono solo di cose ‘colte’ per cui sono impediti in tutto il resto, mentre le ragazze sono interessate esclusivamente al ‘grossip’ e quindi non sanno neppure leggere e scrivere (quasi).

Non si capisce se per vero o per esigenze di copione alcune risposte date dalle concorrenti erano raggelanti e quasi rendevano credibile l’icona della ‘gnocca acefala’..

La foto di Garibaldi, secondo una ‘pupa’, raffigurava un pastore, Alessandro Manzoni per un’altra era un pittore. Altre partecipanti hanno sostenuto che il presidente della Repubblica si chiamerebbe “Napolillo” e  Gianni Alemanno sarebbe il sindaco della Fiat. Sandro Pertini infine non era noto all’ennesima ‘pupa’, nonostante innumerevoli aiutini di Papi.

In un’Italia devastata dalla crisi, nella quale dilaga il razzismo e dove il lavoro è diventato un miraggio la necessità di narcotizzare sempre di più il popolo televisivo sembra l’unica strategia comunicativa che non trova alcun ostacolo.

La discussione sul ruolo più o meno educativo della televisione è antica. Tuttavia, in questo caso la funzione ‘diseducativa’ di questo tipo di show non deve sfuggire.

Alcuni commentatori trovano ‘ divertente’ assistere al teatrino del pernicioso, all’esibizione gratuita della banalità, all’avvilimento della intelligenza femminile e della sensibilità maschile, ma non tengono in nessun conto l’impatto che possono avere su un pubblico prevalentemente composto da adolescenti.

Donne sceme e disponibili e uomini intelligenti e repellenti sono gli ingredienti di un mix di luoghi comuni e volgarità che non dovrebbero trovare spazio sulla televisione generalista.

Per questo e paradossalmente ‘La pupa e il Secchione’ rappresenta lo stato del Paese molto più di AnnoZero, Ballarò o Porta a Porta.

Un reportage straordinario sul degrado. Peccato non si possa dire che gli autori volessero raggiungere questo scopo. O forse sì?

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (11) »

  • Simona ha detto:

    Per la prima volta trovo un articolo sensato……la cosa triste e’ che siamo sommersi dai telefilm e dai reality uno piu’ stupido e diseducativo dell’altro…….c’è soluzione ha questo mare di melma???? pare proprio di no…che tristezza!

  • Olmo ha detto:

    …..questo il lento ma inarrestabile “lavoro” della cultura di destra; è iniziato prima che la destra fosse al governo ed ora è la cultura dominante del nostro paese….ci piaccia o no!!! resta solo la speranza che “esploda” (il sistema e la sua cultura) al più presto è il “botto” riapra gli ochhi e le menti dei nostri figli.

  • hopfrog ha detto:

    “Tele Rimbambiti” o melò? Feuilleton o Sceneggiata? In questo contesto la TV spazzatura non è una novità ma rappresenta la continuità assoluta di una produzione rivolta al mercato costituito fondamentalmente da sotto-proletariato, gruppi di persona dalla bassa o spesso “cattiva” istruzione, fasce emarginate di popolazione (spesso emarginazione culturale, sociale, di ambiente e non economica). L’unica novità è questa volta costituita dall’uso commerciale su larga scala di queste persone-utenti e dal coinvolgimento di una pseudo fascia culturale che (ben pagata ovviamente) non solo si diverte a ridicolizzare nel loro salotto televisivo quelli che hanno contribuito a formare ma tenta addirittura di dare una dignità alla spazzatura televisiva. Uno dei modi di fermare questa deriva sarebbe una società aperta e formativa rispetto a quella chiusa ed istituzionale. Qualche giorno fa Report ha mostrato un bel servizio sulla Scuola di Strada nei Quartieri Spagnoli a Napoli dove i ragazzi hanno potuto vedere per la prima volta l’esistenza di valori, modi di vita, e principi da quelli imposti dalla famiglia, dalla società e soprattutto dal bombardamento dei media spazzatura. Hanno risposto con interesse e soprattutto con meraviglia ed entusiasmo quello che invece la Scuola non è in grado di fornire ai ragazzi “istituzionalizzati” sempre più spesso ingabbiati in questa gabbia sempre più stretta da cui difficilmente riusciranno a liberarsi. Questa gabbia che li costringe a guardare trasmissioni stupide come questa, come il GF, come, l’Isola dei Famosi o simili contenitori e soprattutto a non porsi alcun problema, alcuna domanda e che darebbero la loro vita per partecipare a 10 minuti di questa TV spazzatura.

  • pepe ha detto:

    ha ragione olmo ….. tv spazzatura…x deficenti che x due lire mettono in mostra corpi rifatti e cervelli da vergona..ma la dignità di donna dov’è finita??? io sono uina bella donna e pure intelligente e sapete quando ero 18 enne ero rincorsa da manager che volevano facessi miss italia ecc. ecc.ma per me era già degradante che una come me andasse in tv senza aver studiato dizione orecitazione oppure semplicemente senza gavetta..quà oggi diventano tutte star a fare vedere due tette rifatte e basta ,questa è la scuola che serve per fare cariera in tv in italia….VUOI DIVENTARE UNA DIVA DELLA TV??? RIFATTI CULO,TETTE ,LABBRA E POI LA TV è TUA…ECCO COSA è SUCCESSO DA QUANDO CèE QUESTO GOVERNO,,POCA INFORMAZIONE DEI VERI PROBLEMI CHE NON SONO REALMENTE LA CRISI CHE è VERO C’è MA IL PIù GRANDE PROBLEMA è CHE DOBBIAMO VEDERE QUESTE CAZZATE IN TV E NON SI SENTE PARLARE NESSUNO CHE DICA LA VERITà DI QUANTO LA TERRA SI STà RIBELLANDO,DEI PROBLEMI CHE DOVREMO AFFRONTARE TRA POCHISSIMI PERCHè NON CI VERGOGNAMO TUTTI,LA TERRA è STANCA PARLIAMO UN Pò PER DAVVERO…VOGLIAMO VEDERE TV COME “CURRENT” CANALE DI SKI,GRAZIE A “CURRENT” SONO VENUTE FUORI TANTE VERITà ,QUELLE DELLA CHIESA E TANTE SCHIFEZZE CHE HA FATTO E Fà ANCORA IL BERLUSCA,.GENTE NON PENSATE CHE BERLUSCONI AL GOVERNO ,PERCHè RICCO RUBA MENO DEGLI ALTRI O ADDIRITTURA NON RUBA..MA RAGIONATE ,LUI PROPRIO PERCHè è RICCO NON SI ACCONTENTERà MAI DI UNA CIFRA CHE PUò ACCONTENTARE UNO CHE NON HA MAI AVUTO PIù DI TANTO… NOO?????? PENSATECI… ABBASSO PUPE ,W SECCHIONI MA STATE A CASA NON ANDATE IN TV, DOPO TUTTO LO SFORZO CHE AVETE FATTO PER STUDIARE DOVETE ANDARE A FARE RIDICOLI IN UN PROGRAMMA .ALLORA MI VIENE DA PENSARE SECCHIONI LO SIETE MA NON SIETE INTELLIGENTI… ALLORA SE COSI ABBASSO SIA LE PUPE CHE I SECCHIONI COMPRESO BERLUSCONI.

  • Ro ha detto:

    Pepe,hai ragione.Concordo con tutto ciò che avete detto! Ciao Darwin,la Pupa e il secchione (soprattutto la fascia hot) sono programmi da eliminare.Mediaset vergognatevi! Fate schifo! Un po’ di inventiva,di fantasia,solo mostrando culi e tette sapate far alzare gli ascolti.Siete penosi!

  • tiziana ha detto:

    Ho visto il finale di questo programma,non lo avevo mai visto, ma devo dire che,per quel poco visto è indescrivibile.Sono del parere che queste trasmissioni mandino un messaggio negativo a tutti
    i giovani e sia inoltre degradante per tutti.Nessuno si ritiene
    intelligente, ma in questo programma emerge proprio la totale
    ignoranza a livello elementare.Dovrebbero proibire queste trasmissioni
    che degradano sia gli uomini che le donne.

  • Cippy ha detto:

    cioa darwin tv spazzatura???????? ma fammi il piacere fa morire dal ridere se levano quella è come levare striscia o le iene -.-

    cmq pupa e il secchione ugulae cagata e truffa assurda (cm tutti i programmi)

  • Lorenza ha detto:

    Su Facebook è partita una mail-bombing verso Mediaset e il direttore di TV sorrisi e camzoni:
    http://www.facebook.com/home.php?#!/event.php?eid=103138803064476#wall_posts

    trovate il testo della lettera da inviare qui:
    http://www.donnepensanti.net/2010/05/la-pupa-e-il-secchione-segnalazione-a-mediaset/

  • talpusnutris ha detto:

    orrore

  • talpusnutris ha detto:

    orrore e disgusto

  • Nicolò ha detto:

    Beh, certo che c’è la soluzione. SPEGNERE QUELLA CAZZO DI TV E ACCENDERE IL CERVELLO.

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008