cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Nuova crisi tra Alfano e giudici

Autore: . Data: mercoledì, 17 marzo 2010Commenti (0)

L’ispezione del ministero a Trani riaccende le ostilità. Intanto i giudici pugliesi ribadiscono che non consegneranno alcun documento.

Ieri il Comitato di presidenza del Csm ha dato il via libera all’apertura della pratica, chiesta ieri dalla maggioranza dei consiglieri, sull’ispezione disposta dal ministro Alfano alla Procura di Trani.

Il fascicolo sull’ispezione dovrà verificare l’attività degli inviati di Alfano comporta interferenze nelle indagini ancora in corso e che hanno coinvolto tra gli altri il presidente del Consiglio.

I consiglieri che hanno sottoscritto la richiesta di indagine del Csm (tutti tranne i tre laici del Pdl e dell’Udc) nutrono forti dubbi sul vero scopo dell’iniziativa del ministro, visto che gli ispettori hanno ricevuto l’incarico di accertare “fatti e circostanze che riguardano esclusivamente l’attività giurisdizionale” e che dunque sono fuori dai loro poteri di indagine, come la competenza territoriale, l’ ammissibilità delle intercettazioni telefoniche disposte e i motivi della fuga di notizie. A compiere gli accertamenti sarà la sesta Commissione del Csm.

Alfano, negando l’evidenza invece ha detto: “Nessun conflitto con il Csm”. Poi il Guardasigilli ha denunciato  “manovre dilatorie” dell’organo di autogoverno della magistratura in merito alla copertura delle sedi disagiate e ha ripetuto il tradizionale ritornello sul tentativo di “fare politica” del Csm.

Intanto il pm della Procura della Repubblica di Trani, Michele Ruggiero, che partecipa all’inchiesta sulle pressioni del presidente del Consiglio sull’Autorità garante delle comunicazioni per impedire la messa in onda di Anno Zero ha chiarito: “Tutto quello che non è stato reso noto agli indagati non sarà reso noto agli ispettori”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008