cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » politica
Regola la dimensione del carattere: A A

Donne e part-time, l’affondo di Brunetta

Autore: . Data: giovedì, 11 marzo 2010Commenti (0)

Affondo sulla legge 104, che garantisce il diritto di assistenza ai diversamente abili: la denuncia Fp-Cgil

“Oltre ad annientare l’articolo 18, il ‘collegato lavoro’ del governo opera una stretta incomprensibile ai diritti dei lavoratori e dei loro familiari, indebolendo strumenti come la legge 104 del 1992 che garantisce il diritto di assistenza ai diversamente abili”.

La denuncia è di Carlo Podda, segretario generale della Funzione pubblica Cgil, che si scaglia contro il ministro della Pubblica amministrazione: “Come sempre Brunetta pretende con la legge di imporre a tutti quello che invece andrebbe imposto solo a chi sbaglia – spiega il sindacalista – il suo motto sembrerebbe quello di ‘colpirli tutti per educarne qualcuno’ ricorrendo alla solita demagogia e al solito populismo a cui ci ha abituato”.

La logica adottata dal Ministero è fortemente contestata dall’organizzazione sindacale: “Non possiamo accettare – sostiene Podda – che venga affrontato un problema come gli abusi sull’utilizzo dei permessi di congedo, dei benefici della 104 o del part-time, che laddove esistono andrebbero contrastati con i controlli, e risolverlo limitando i diritti, visti come la fonte stessa del problema, senza calcolare quali e quanti danni comporti tutto ciò”.

Una logica, dunque, considerata “miope, e l’abbiamo già visto messa in pratica con i provvedimenti ‘balneari’ del 2008 e con la controriforma Brunetta che punta ad additare il nemico pubblico, il ‘fannullone’, a colpevolizzarlo, senza peraltro risolvere un singolo problema”.

La “stretta” si abbatterà soprattutto sulle donne, cui solitamente è delegato il lavoro di cura: “Un’altra buona ragione – è la conclusione del sindacalista – per scioperare e scendere in piazza il 12 marzo, in occasione dello sciopero generale della Cgil, le cui ragioni, all’indomani dell’approvazione del ‘collegato lavoro’, non fanno che rafforzarsi”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008