cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

I misteri della benzina

Autore: . Data: giovedì, 14 gennaio 2010Commenti (0)

Il petrolio scende di prezzo e la benzina aumenta.

caro-benzinaAdusbef e Federconsumatori “si augurano che il prezzo del petrolio non scenda più, poichè si nota una strana coincidenza: mentre il prezzo del petrolio scende, il prezzo dei carburanti continua a salire. Ma, bando agli scherzi, la questione sta diventando insopportabile ed onerosa per le tasche dei cittadini”.

Infatti, sottolineano in una nota le due associazioni dei consumatori, “avevamo già contestato il rapido aumento dei prezzi dei carburanti che nel giro di una settimana erano aumentati dell’8 per cento, contro un aumento del prezzo del petrolio di circa il 3,5, adeguamento maggiorato con una velocità sorprendente. In questi giorni vi è di più, sta scendendo il prezzo del petrolio e aumenta il prezzo della benzina, che oggi è quotata a circa 1,37 euro litro, portando l’aumento delle ultime due settimane a 10 centesimi al litro”.

Tutto ciò significa, rilevano Adusbef e Federconsumatori, “maggiori costi diretti per 120 Euro ad automobilista per i pieni di benzina, a cui si aggiungono 90 Euro in più per costi indiretti, determinando così maggiori esborsi per le famiglie italiane di 210 Euro. Quello che chiediamo, lo ripetiamo per l’ennesima volta, è un intervento in tre direzioni: rispetto alla doppia velocità di adeguamento dei prezzi dei carburanti; interventi tesi ad eliminare il differenziale strutturale di 4-5 centesimi al litro tra il prezzo industriale dei carburanti in Europa e quello italiano; l’apertura della vendita dei carburanti attraverso la grande distribuzione”.

Con la consapevolezza che, quando si risolveranno tali questioni, aggiungono i presidenti di Adusbef e Federconsumatori, rispettivamente Elio Lannutti e Rosario Trefiletti, “sarà sempre troppo tardi”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008