cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Wwf: difendere l’ambiente è un affare

Autore: . Data: giovedì, 8 ottobre 2009Commenti (1)

L’inquinamento del pianeta produce danni, anche economici. Cambiare rotta è più conveniente.

wwf“Salvare il pianeta conviene. Chi non si muove oggi è tagliato fuori dall’economia del futuro”. È il commento di Mariagrazia Midulla, responsabile Clima e Energia del Wwf Italia, alle anticipazioni del rapporto ‘Energy Outlook’ dell’Agenzia internazionale dell’energia (Iea), diffuse oggi durante i negoziati sul clima di Bangkok.

“Il rapporto dell’Iea – commenta Midulla – dimostra che è davvero stupido non investire in un’economia a basso consumo di carbonio, visto che tali investimenti saranno ammortizzati e produrranno bollette più basse, meno inquinamento dell’aria e aiuteranno a tenere sotto controllo il cambiamento climatico”.

La responsabile del clima e energia del Wwf raccomanda pertanto ai politici, soprattutto quelli dei Paesi industrializzati, di “studiare attentamente questo rapporto e trarne insegnamento”.

Dalla lettura risulta chiaro infatti che “i Paesi potrebbero essere ben più ambiziosi nei loro obiettivi di riduzione delle emissioni e che chi oggi tenta di abbassare i target è destinato alla retroguardia, anzi rischia di essere tagliato fuori dall’economia del futuro». Secondo i dati dell’Iea il settore dell’energia, che rappresenta circa l’80 per cento delle emissioni di Co2, raggiungerà il suo picco globale tra il 2015 e il 2020. Il rapporto mostra anche che “c’è un grande potenziale per la mitigazione tra gli stessi Paesi industrializzati”, conclude Mariagrazia Midulla.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (1) »

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008